La sostenibilità economica è al centro del programma British Tempest

Il ministero della Difesa britannico ha annunciato all'inizio di questa settimana l'inizio di la prossima fase di sviluppo del programma FCAS per Futur Combat Air System e il suo jet da combattimento di sesta generazione, il Tempest. Per questo, Londra ha confermato una dotazione di 6 miliardi di sterline per finanziare gli sviluppi nei prossimi 2 anni, dal 4 al 2021, consentendo al programma di essere a lungo termine e di mantenere i suoi obiettivi di entrata in servizio tra il 2025 e il 2035 per sostituire i Typhoon della Royal Air Force. Questo annuncio è di per sé solo la conferma di quanto stabilito dalla nuova Revisione Strategica Integrata presentata qualche mese fa, e difficilmente porta maggiore precisione sulle tempistiche esatte o sulle ambizioni del programma se non è che il dispositivo non sarà progettato poter essere imbarcati su portaerei. Tuttavia, questa non è certo una sorpresa la potenziale aggiunta di catapulte e frecce alle portaerei britanniche è prevista solo per aeromobili con un peso massimo al decollo di 25 tonnellate, ben al di sotto di quello che sarà la Tempesta. D'altra parte, è accompagnata da un'analisi macroeconomica indipendente degli effetti attesi del programma, per evidenziarne la sostenibilità nel tempo, e incoraggiare il sostegno degli stessi britannici.

En effet, il rapporto della rinomata ditta Price Waterhouse Cooper, le cui conclusioni sono allegate alla dichiarazione del ministero della Difesa, permette di cogliere le implicazioni del programma per l'economia britannica, grazie ai numerosi dati presentati. Così, apprendiamo che il programma richiederà uno sforzo di circa £ 1 miliardo all'anno per 30 anni (esclusa l'inflazione) e genererà 21.000 posti di lavoro sul suolo britannico, inclusi 7800 posti di lavoro diretti altamente qualificati con un reddito superiore a £ 100.000 all'anno. in media. In totale, 26,2 miliardi di sterline saranno iniettati nell'economia britannica da questo programma, a parte eventuali esportazioni o partnership internazionali non confermate. Per quanto riguarda le principali società e subappaltatori del programma, genereranno un totale di oltre 100 miliardi di sterline di benefici economici nel Regno Unito nei prossimi 30 anni.

La conversione del budget non è indicata, ma con un'aliquota di prelievo media nel paese del 38% secondo Eurostat e un costo salariale medio di £ 36.000, il programma da solo genererà quindi £ 300 milioni all'anno di entrate fiscali e le società che partecipano a è un totale di quasi 1 miliardo di sterline di entrate fiscali, tutte le attività messe insieme. In altre parole, e a parte una potenziale attività aggiuntiva legata ai contratti di esportazione, o una condivisione dell'onere e dell'investimento con partner come la Svezia o l'Italia, il programma Tempest si sta dimostrando economicamente sostenibile per il bilancio del Regno Unito, molto di più di quanto lo sia la partecipazione a programmi come l'F35.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

Abbonamento mensile a € 5,90 al mese - Abbonamento personale a € 49,5 all'anno - Abbonamento professionale a € 180 all'anno - Abbonamento studenti a € 25 all'anno - Codice promozionale escluso -


Scarica il fileApp mobile Meta-Defense per IOS o Android essere informato delle nuove pubblicazioni mediante notifica.

Disponibile su Google Play
Disponibile su Apple Store

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE