L'aeronautica americana inizia la resistenza e vuole ridurre gli ordini di F35A del 10%

Come sappiamo, l'aviazione americana è sempre più riluttante verso il piano che inizialmente prevedeva di acquisire più di 1700 F35A per sostituire la sua flotta di F16, A10 e parte dei suoi F15. In questione, ilcosti di manutenzione annuali per ogni dispositivo, in cui lei stima un rapporto ottenuto dal sito Web AirForceMag.com, a $ 36.000 per unità all'anno nel 2036, dove era previsto, nel 2012, un costo di $ 4,1 milioni per unità, con un aumento del 90%. Ma le pressioni subite dal generale Brown, capo di stato maggiore dell'USAF, dopo aver sollevato l'ipotesi di sviluppare un nuovo velivolo meno costoso e più affidabile per sostituire la sua flotta F16, ha invitato quest'ultimo ad agire con maggiore cautela e circospezione di fronte a questo programma che impiega oltre 250.000 americani sparsi in 48 dei 50 stati americani, ed è particolarmente presente negli stati politicamente più potenti, come California, Texas o Florida.

L'aeronautica americana, infatti, sembra ora aver optato per una strategia più indiretta, per ridurre la pressione sul bilancio imposta da questo programma, senza però apparire come il becchino di questo “Trillion Program”. Questo è il motivo per cui, nell'ambito della preparazione dei budget provvisori dal 2022 al 2026, l'aviazione americana avrebbe optato per un calo del 10% degli ordini F35A annuali, da 48 a soli 43. Allo stesso tempo, lei sembra desiderare fare affidamento su una serie di leader politici, Democratici e Repubblicani allo stesso modo, sempre più diffidenti nei confronti dell'apparato della Lockheed-Martin, al fine di impedire al Congresso di aumentare il numero di apparati finanziati ogni anno. Infatti, dal 2012, l'USAF ha richiesto ogni anno una linea di bilancio per acquisire 48 nuovi F35A, ma il Congresso ha "concesso" un'estensione di 12 aeromobili, o 60 F35A consegnati. Ma questa "proroga" di bilancio è stata realizzata con un bilancio complessivo stabilito, e quindi a scapito di altri programmi, in particolare nel campo della R&S.

Il generale Brown sembra aver optato per una strategia più indiretta per uscire dalla strategia “All F35A” ereditata dagli anni passati, che oggi ostacola gravemente la ricostruzione dell'aeronautica americana.

Pertanto, piuttosto che tentare di andare controcorrente e diventare un bersaglio per le lobby industriali americane, il generale Brown, e ovviamente la stragrande maggioranza del Pentagono, sembra abbia optato per una strategia più indiretta. Infatti, riducendo il volume dei dispositivi ordinati annualmente del 10%, sulla base dei dispositivi in ​​eccesso nella flotta a causa di successivi "spintoni" del Congresso, e discutendo sui prezzi di manutenzione a questo punto eccessivi che ora minacciano la sostenibilità del lo strumento militare che l'Air Force statunitense rappresenta, distillano gradualmente un potente messaggio nel cuore dell'esecutivo ma anche del legislatore americano, così da erodere progressivamente il fermo sostegno del Congresso a questo programma che, ovviamente, sta diventando un grave handicap per i leader militari americani.

Il gradino laterale è sufficientemente basso e giustificato dall'eccesso di dispositivi in ​​linea, per non essere qualificato come imbracatura. Ma allo stesso tempo, è abbastanza significativo da alterare la falsa immagine dell'apparato finale che ha pesantemente permeato l'immaginazione degli americani, compresi i suoi leader e rappresentanti politici, ma anche nei confronti del suo popolo. Alleati, che fino ad oggi per lo più giuro sull'aereo Lockheed-Martin. Tuttavia, i criteri che oggi ostacolano l'aviazione americana, e in particolare i costi di manutenzione molto eccessivi e la disponibilità operativa troppo bassa dell'F35A, influenzano, o influenzeranno, allo stesso modo le 13 forze aeree alleate che comandavano l'FXNUMXA. aeromobili.

L'European Typhoon e il francese Rafale sono i favoriti dalla stampa svizzera per la sostituzione degli F / A 18 Hornets e dell'F5 delle forze aeree svizzere

Resta da vedere come reagirà il Congresso americano a questi sviluppi, sapendo che il programma F35, pur essendo lungi dall'aver raggiunto i suoi obiettivi operativi e di bilancio, ha perfettamente soddisfatto le sue specifiche politiche, ottenere la più forte rappresentatività possibile alla Camera dei Rappresentanti. In questo contesto verranno seguite con grande attenzione le gare per la sostituzione dei F / A 18 finlandesi e svizzeri. In effetti, queste due competizioni sono le prime che non danno la F35A come vincitrice per anticipazione. Anzi, Media svizzeri, ad esempio, sembra pensare che la decisione di Berna sarà tra il tedesco Typhoon e il francese Rafale. La posizione dell'F35A in Finlandia non è molto migliore, con una preferenza dei media che è caduta sul JAS 39 E / F Gripen del vicino svedese. Una decisione di uno di questi paesi a favore di un aereo europeo, o dell'F / A 18 E / F Super Hornet della Boeing, costituirebbe una grave ammaccatura nell'immagine di assoluta superiorità che ama adornare se stessa. L'F35, e potrebbe infatti servire gli interessi della US Air Force in questa resa dei conti macchiata che si sta svolgendo ora a Washington.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE