Il programma del futuro caccia NGAD della US Air Force sarà l'antitesi dell'F35 (1/2)

Per poco più di 3 anni, il programma inizialmente destinato a progettare il caccia da superiorità aerea per sostituire l'F22, il Next Generation Air Dominance o NGAD, ha subito profondi cambiamenti, rompendo con decenni di paradigmi industriali e operativi che hanno messo il versatile e aeromobili scalabili prodotti in grandi serie nel cuore dello sforzo industriale occidentale. Infatti, dalla fine degli anni '70, e dall'avvento dei cosiddetti dispositivi di 4a generazione, come F15, F16 o Mirage 2000, la crescente integrazione dell'elettronica di bordo ha permesso di progettare dispositivi in ​​grado di svolgere molte missioni , a volte contemporaneamente. Il dogma degli aerei specializzati, come l'F15C o il mirage 2000C per la superiorità aerea, il Tornado per la penetrazione e l'A10 per il supporto aereo ravvicinato, stava svanendo di fronte a velivoli come il Rafale, il Typhoon o l'F35, molto più versatile e capace di evolversi per accogliere nel tempo sistemi d'arma sempre più moderni.

Il ragionamento era assolutamente chiaro, poiché sostituendo più dispositivi specializzati con un dispositivo versatile, era possibile realizzare significative economie di scala dovute a una maggiore produzione e ad una manutenzione più omogenea. Inoltre, questi dispositivi, che erano essenzialmente progettati per evolversi, potevano rimanere operativi ed efficienti per diversi decenni, semplicemente aggiungendo nuove capacità, senza la necessità di acquisire nuovi modelli, come avveniva negli anni '50 o '60 durante i quali nuovi dispositivi. sostituito i modelli più vecchi a un ritmo vertiginoso. Sfortunatamente, questa gloriosa teoria non prevedeva che i costi di progettazione e manutenzione di questi dispositivi sarebbero aumentati oltre i benefici attesi, come ha dimostrato Will Roper, ex direttore delle acquisizioni dell'aeronautica statunitense, al punto da essere economicamente e operativamente controproducenti di fronte a dispositivi specializzati con vita più breve e prodotti in serie più piccole. Inoltre, i compromessi fatti per risolvere la difficile equazione dell'assoluta versatilità, portano a limitazioni operative che, se non si prestano a conseguenze nei cieli afghani o siriani, diventano problematiche nei confronti della Cina nel Pacifico, o della Russia. nell'Artico.

Il programma Joint Strike Fighter mirava a produrre un caccia prodotto in serie ad alte prestazioni ed economico. Ma ambizioni tecnologiche eccessive e compromessi legati alla versatilità e scalabilità ne avranno profondamente trasformato la struttura dei costi.

Proprio per questo la US Air Force ha cambiato profondamente tutti i suoi paradigmi, sia operativi che industriali, per il suo programma NGAD, che assume, per molti aspetti, posture strettamente opposte a quelle adottate per il programma Joint Strike. l'F35 Illuminazione II.

Il teatro indo-pacifico nel mirino

Negli ultimi mesi, il Pentagono ha aumentato le sue analisi, simulazioni e giochi di guerra su scenari attorno a un potenziale confronto diretto delle forze americane e alleate con le forze dell'Esercito popolare di liberazione cinese o PLA nel teatro indo-pacifico. E come abbiamo già riportato, i risultati di queste simulazioni non sono stati molto incoraggianti, soprattutto quando si trattava di difendere Taiwan da un assalto cinese. Da allora, tutti gli eserciti statunitensi hanno intrapreso profondi cambiamenti nel tentativo di prepararsi al meglio a questa ipotesi, con soluzioni a breve, medio e lungo termine, per mantenere l'ascesa militare sull'Elp. L'esercito degli Stati Uniti fa affidamento sul suo super programma BIG 6, nonché sulla rapida integrazione di nuovi strumenti che offrono una maggiore reattività e un migliore coordinamento delle forze. La Marina degli Stati Uniti scommette sulla modernizzazione della sua flotta di sottomarini d'attacco e sull'integrazione di navi senza pilota, mentre il Corpo dei Marines è tornato alla sua dottrina di assalto anfibio e di forze d'assalto originarie.

Per la Marina degli Stati Uniti, le navi robotiche rappresentano la soluzione preferita per poter mantenere la supremazia militare sulle forze aeree e navali cinesi.

L'aeronautica americana, da parte sua, si trova in una situazione difficile da imporsi nel Pacifico. Infatti, non solo la maggior parte dei suoi aeromobili non ha l'estensione necessaria per operare in questo teatro di operazioni, ma è impegnata nel programma F35 che prende la maggior parte di questi crediti di acquisizione destinati agli aerei da combattimento tattico., Anche se l'aereo non lo è. molto adatto per le missioni sul Pacifico. Infatti, l'F35A Lightning 2 ha solo un raggio di combattimento di 1000 km, e deve evolversi senza carri armati esterni per preservare la sua furtività, che rappresenta uno dei pochi punti di forza di questo lento e lento velivolo. Inoltre, come l'F22, richiede una manutenzione pesante che richiede attrezzature specializzate e connettività permanente ad alta velocità, che non corrisponde al contesto di impiego dell'aeronautica militare nel Pacifico nei confronti della Cina, sapendo che le grandi basi aeree Saranno gli obiettivi distrutti in via prioritaria dall'aeronautica militare e dai missili di Pechino in caso di conflitto.

Questo è il motivo per cui l'USAF ha testato, durante i wargame sopra menzionati, l'uso di nuovi dispositivi progettati per soddisfare le esigenze di questo teatro, con risultati sembra convincente, da allora Il generale Brown, il suo capo di stato maggiore, ha posizionato il programma NGAD al centro della sua strategia di equipaggiamento negli anni a venire. Per soddisfare questi requisiti, sia operativi che in termini di pianificazione, il programma NGAD si baserà su 5 interruzioni concettuali con i tradizionali programmi di pilotaggio dei velivoli da combattimento osservati negli ultimi 50 anni.

1- La fine del dogma del programma monodispositivo


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Fine della prima parte di questo articolo - la seconda parte si concentrerà sulla dissociazione tra mattoni tecnologici e piattaforme, il concetto di agilità operativa e il controllo di tempi e costi, nonché le lezioni di questo nuovo approccio per il programma SCAF.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE