Scadenze, costi aggiuntivi, mancanza di parti: l'esternalizzazione della manutenzione della LCS della US Navy è un fallimento

Sulla scia dei tagli ai crediti per la difesa legati alla fine della guerra fredda, molte forze armate hanno ceduto alle sirene dell'esternalizzazione della manutenzione delle principali apparecchiature a fornitori di servizi privati. Sebbene alcuni contratti siano stati strutturati sin dall'inizio sotto forma di impegno di capacità, come nel caso ad esempio della manutenzione della flotta Dax EALAT, la maggior parte di essi si riferisce ad attrezzature potenzialmente proiettabili, erano limitati a impegni di mezzi. Tuttavia, questo approccio apre la porta a derive significative in termini di costi e tempo, con la chiave, la significativa diminuzione della disponibilità operativa di attrezzature, nonché la capacità delle forze armate di utilizzare queste attrezzature nell'ambiente. degradato o distante. Questo è precisamente il problema che la US Navy deve affrontare oggi per quanto riguarda ses Littoral Combat Ship.

Infatti, secondo i risultati di un rapporto condotto dal Government Accountability Office, o GAO, già noto alla comunità della difesa per le sue posizioni spesso dure riguardo al programma F35, il programma di manutenzione in outsourcing della US Navy LCS accumula derive e si rivela non solo più costoso e meno efficiente dei programmi di manutenzione interna di altre unità della US Navy, ma coinvolge anche la capacità stessa di impiegare queste navi in secondo il loro contratto operativo, che è già estremamente limitato. C'è da dire che l'outsourcing ha assunto dimensioni stravaganti in questo campo, gli equipaggi e le squadre tecniche della US Navy non potendo nemmeno intervenire in emergenza in caso di danni, per l'assenza di procedure dettagliate e difficoltà nel reperire pezzi di ricambio. parti, a volte costringendo all'uso della cannibalizzazione delle navi stesse, una tecnica generalmente utilizzata dagli eserciti di secondo rango, o per apparecchiature molto vecchie non più disponibili, supporto industriale, che né la US Navy né il programma LCS è.

Le LCS della Marina degli Stati Uniti saranno tutte dotate di missili anti-nave NSM, e saranno specializzate per metà nella guerra contro i sottomarini e per metà nella guerra contro le mine.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE