British Royal Marines sperimentano con Gravity Jet Suit per l'imbarco navale

Nel 2016, dopo aver trascorso quasi 2 decenni nell'industria petrolifera e 6 anni nella Royal Marines Reserve, Richard Browning ha acquisito diversi mini-turboreattori al fine di sviluppare un jet pack autonomo. 6 mesi dopo, nel novembre 2016, ha effettuato il primo volo di quello che diventerà, l'anno successivo, il Gravity jet Suit, un jet pack alimentato da 4 mini-reattori controllati e diretti dalle braccia del pilota, in un'architettura sia semplice che molto efficace. L'inventore britannico raccolse rapidamente £ 650.000 per continuare a sviluppare il suo concetto, senza dimenticare i suoi anni con i commando britannici. Ovviamente anche questi ultimi hanno aderito al concetto, dal momento che 42 Commandos dei Royal Marines hanno recentemente condotto una serie di esercitazioni per valutare l'efficacia del Gravity Jet Suit per l'assalto e l'imbarco in mare, durante diversi scenari realizzati con la nave pattuglia HMS Tamar lungo la costa meridionale dell'Inghilterra.

Da un semirigido lanciato nell'intercettazione del pattugliatore, i commandos hanno così sperimentato il trasferimento autonomo di un soldato sul ponte superiore della nave utilizzando il Jet Suit, per poi dispiegare una scala flessibile che permetteva ad altri soldati di unirsi a lui. Un secondo scenario, relativamente simile, condivideva lo stesso inizio della missione, ma il pilota del Jet Suit prese il volo una volta che la scala flessibile fu schierata per proteggere i dintorni della nave. Infine è stata effettuata un'esercitazione con l'imbarco simultaneo di 3 persone sul ponte di poppa della nave. Dopo ogni esercizio, il pilota e il suo Jet Suit si sono uniti al gommone in movimento per atterrare su di esso per iniziare l'esercizio successivo.

L'esercitazione svolta dai Royal Marines britannici ha avvicinato le reali condizioni di una collisione di una nave lanciata ad alta velocità.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Ogni giorno almeno un articolo è pubblicato su Meta-Defense con un accesso gratuito da 24 a 48 ore. Nella sezione "Articoli da non perdere" sono inoltre disponibili 3 articoli in consultazione gratuita. Gli altri articoli sono riservati agli abbonati. Gli articoli pubblicati nella sezione "Guarda" sono riservati agli abbonati professionisti.

Abbonamento mensile a € 5,90 al mese - Abbonamento personale a € 49,5 all'anno - Abbonamento professionale a € 180 all'anno - Abbonamento studenti a € 25 all'anno - Codice promozionale escluso -


Scarica il fileApp mobile Meta-Defense per IOS o Android essere informato delle nuove pubblicazioni mediante notifica.

Disponibile su Google Play
Disponibile su Apple Store

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE