L'Egitto ordina 30 nuovi Rafale dalla Francia

Le discussioni tra Parigi e Il Cairo riguardo a un nuovo ordine per gli aerei Rafale erano in corso da diversi mesi, l'Egitto aveva espresso il suo desiderio " per raddoppiare la sua flotta Rafale »Lo scorso febbraio. Secondo i documenti ottenuti da il sito di informazioni sulla divulgazione, queste trattative avrebbero avuto successo e il 4 aprile sarebbe stato firmato un contratto di quasi 30 miliardi di euro per un ordine per 26 nuovi aerei Rafale. Dopo l'ufficializzazione dell'ordine per 18 Rafale da parte della Grecia 3 mesi fa, questa è quindi un'ottima notizia e un nuovo successo per il velivolo francese, con uno dei suoi clienti più importanti e più vecchi, il Cairo è stato il primo Paese ad acquisire il Rafale nel 2015, ma anche il Mirage 2000 20 anni fa.

Le autorità francesi, contattate da AFP, non hanno confermato l'informazione, ma non l'hanno nemmeno smentita, aggiungendo che presto verrà fatto un annuncio in quest'area. L'importo della transazione è assicurato da un consorzio di banche francesi compresi Crédit Agricole, BNP, Société Générale e CIC, per finanziamenti che coprono l'85% dell'importo del contratto. Il programma del contratto non è dettagliato, né la sua dotazione complessiva. Ricordiamo che l'Egitto aveva già voluto acquisire la nuova Rafale nel 2017, ma il contratto aveva incontrato il veto di Donald Trump riguardante un componente utilizzato dal missile da crociera SCALP che accompagnava l'ordine, mentre le tensioni tra Cairo e Washington erano al vertice.

Questo contratto ha fatto molta strada. Alcuni mesi fa, infatti, i rapporti tra Francia ed Egitto erano molto deteriorati, a seguito di una dichiarazione del presidente francese sui diritti umani durante una visita ufficiale al Cairo, provocando la rabbia del presidente Al Sisi. Questo episodio aveva portato alla sospensione di gran parte dei negoziati tra Francia ed Egitto in materia di contratti di armi, Il Cairo poi tornò rapidamente a Roma per acquisire fregate FREMM. e avviare discussioni sull'acquisizione dei caccia Typhoon. Il coinvolgimento della Francia nel Mediterraneo orientale nel 2020 al fianco della Grecia di fronte agli attacchi turchi, nonché in applicazione dell'embargo sulle consegne di armi e materiali alla Libia, avvicinò le posizioni francese ed egiziana, consentendo la ripresa dei negoziati.

Tuttavia, il contatto non fu completamente interrotto tra l'industria della difesa francese e l'Egitto, poiché il paese aveva ordinato l'ammodernamento dei suoi Rafales in modo abbastanza discreto per portarli allo standard F3R, in grado di implementare il missile aereo in particolare. gamma Meteor air e portano la nuova generazione di designazione TALIOS navicella. Tuttavia, non è noto se i nuovi Rafales egiziani saranno di questo stesso livello o se saranno consegnati direttamente al standard F4, che consentirà al velivolo francese di acquisire capacità di tipo di quinta generazione, come la fusione dei dati.

L'Egitto sta investendo in una marcia forzata per la modernizzazione delle sue forze armate. In particolare, il paese ha acquisito 46 Mig-29 e 30 Su-35 dalla Russia oltre ai 24 Rafale precedentemente ordinati dalla Francia per le sue forze aeree, corvette Gowind 2500 e fregate FREMM dalla Francia e dall'Italia, nonché Carri armati T-90 vicino, di nuovo, vicino alla Russia. Con questo nuovo ordine, il paese avrà una forza aerea di prim'ordine, con 30 Su-35, 44 Mig-29, 54 Rafale, 220 F16 e 19 mirage 2000, ovvero più di 350 aerei da combattimento, tanti quanti la Francia e L'Italia insieme, con 8 E2C Hawkeye ha avanzato la sorveglianza aerea per controllarli.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE