Le 7 sfide per difendere la Presidenza del 2022 in Francia

Le questioni relative alla difesa erano state portate in secondo piano durante le precedenti elezioni presidenziali francesi, nel 2017. La maggior parte dei candidati si era semplicemente impegnata a raggiungere un obiettivo di spesa del 2% alla fine del mandato di cinque anni e si era sforzata di discutere un argomento senza qualsiasi fondamento reale, come il ritorno alla coscrizione, anche se i militari stessi hanno continuato a mettere in guardia sull'aspetto irrealistico delle proposte avanzate. Fortunatamente, e con sorpresa di molti, il presidente eletto, Emmanuel Macron, ha onorato i suoi impegni applicando una legge sulla programmazione militare (LPM) permettendo agli eserciti, se non di ricostruire le proprie capacità, almeno di porre fine all'emorragia di capacità che li ha colpiti per quasi 15 anni.

Tuttavia, sia nella sostanza che nella forma, l'attuale LPM, come il bilancio della difesa ad esso allegato, rimangono legati agli obiettivi del Libro bianco 2013 sulla difesa e la sicurezza (LBDSN 2013), scritto ancor prima che la geopolitica globale si lasciasse trasportare. Il prossimo quinquennio, infatti, dovrà affrontare diverse criticità nel campo della Difesa, per rispondere alle problematiche di sicurezza che oggi non lasciano più margini di interpretazione. Appare quindi naturale aspettarsi che i candidati che si candideranno alla carica suprema presentino posizioni chiare e un programma su questi temi, numerato 7.

1- Deterrenza nazionale di fronte a nuove minacce

Il LBDSN del 2013, come il riesame strategico del 2017, si basa su una progettazione di strumenti di difesa su due fronti, una componente convenzionale sotto forma di una forza di spedizione in grado di intervenire nei teatri esterni e nelle crisi da bassa a bassa. Intensità media e deterrenza nucleare e le sue due componenti, la Strategic Oceanic Force (FOST) forte di 4 lanciatori di sottomarini nucleari di missili (SSBN) della classe trionfante, e due squadroni delle forze aeree strategiche (FAS) armato di Rafale. L'aeronautica navale di bordo può anche, su richiesta, implementare il Missile ASMPA se necessario. La dottrina francese, con un sottomarino in mare e uno in allerta, è ereditata da un periodo in cui le forze nucleari russe non erano in grado di mantenere la permanenza operativa in mare per i loro SSBN, e quando la Cina aveva solo 2 navi di questo tipo, altrimenti inefficienti.

Le forze strategiche oceaniche schierano 4 SSBN di classe Le Triomphant, uno dei quali è permanentemente in pattuglia, e un secondo in allerta a 24 ore da prendere in mare in caso di crisi.

Da allora, la Russia ha notevolmente aumentato e modernizzato la sua posizione strategica, con 3 SSBN di pattuglia permanente, la modernizzazione dei suoi missili balistici a lungo raggio, quella dei suoi bombardieri strategici e l'arrivo di nuovi sistemi d'arma come il missile. o l'aliante ipersonico Avangard. La Cina ha anche schierato nuovi importanti mezzi, come il missile balistico intercontinentale DF41, SSBN Tipo 094, e l'imminente arrivo del bombardiere stealth strategico H-20. Inoltre, diversi paesi sono entrati nella corsa al nucleare, oltre a Pakistan e India, come Iran e Corea del Nord. Infine, i sistemi per il rilevamento e l'intercettazione delle armi nucleari e dei loro sistemi di consegna, navali o sottomarini, stanno progredendo molto rapidamente. In altre parole, la stessa efficacia della deterrenza francese oggi è potenzialmente minacciata a medio o anche a breve termine.

Per rispondere a questa domanda, potrebbe essere necessario aumentare il formato del FOST, al fine di tenere sempre di pattuglia non 1 ma 2 SSBN. Infatti, se un SSBN ha una probabilità del 98% di non essere rilevato, il che è tutt'altro che elevato, soprattutto considerando la moltiplicazione delle capacità di rilevamento ASM (Anti-Submarine) oggi e nel prossimo futuro, ciò offre comunque un potenziale avversario una finestra di 7 giorni all'anno durante la quale può eventualmente neutralizzare questa minaccia, e quindi agire impunemente. Raddoppiando il numero di SSBN di pattuglia, sulla stessa base, avrà solo una finestra di 1 giorno ogni 7 anni per raggiungere questo obiettivo. Allo stesso modo, il FAS deve ora affrontare sistemi di difesa multistrato integrati, per i quali è essenziale una scorta di aerei o droni dotati di potenti sistemi di guerra elettronica e di contro rilevamento.

In effetti, la posizione di deterrenza deve essere adattata rapidamente alla realtà delle minacce, ben oltre gli attuali programmi SNLE 3G o il successore del missile ASMPA, che entrerà in servizio solo nel prossimo decennio. Questa domanda, esistenziale per la Nazione, ma anche per gli alleati della Francia, è quindi cruciale per valutare la visione politica e strategica dei candidati all'Eliseo.

2- La sfida del coinvolgimento ad alta intensità

Come detto in precedenza, la LBDSN 2013 come la RS 2017 semplicemente non prevedeva che gli eserciti francesi potessero essere impegnati nei cosiddetti scontri ad alta intensità, ovvero contro un avversario dotato di una panoplia completa di moderne attrezzature militari e forze in grado di attuare loro. Il dispiegamento delle forze russe in Crimea e ai confini dell'Ucraina nei giorni scorsi mostra inequivocabilmente che questo scenario è ora possibile, e anche probabile se vogliamo credere a diversi analisti. La Russia, inoltre, non è l'unico potenziale avversario della Francia dotato di queste capacità, tensioni nel Mar Cinese e intorno a Taiwan con Pechino hanno dimostrato che l'Esercito popolare di liberazione è ora una forza trainante, in grado di competere con i migliori eserciti occidentali in molte aree. L'Iran ha notevolmente aumentato le sue capacità operative, in particolare nel campo dei droni, dei missili da crociera, dei missili balistici e dei sistemi antiaerei, ponendo una minaccia costante alle forze francesi dispiegate nella regione, siano esse terrestri, marittime o aeree. Anche i paesi considerati stretti alleati stanno diventando potenziali minacce, come nel caso della Turchia, che ha capacità convenzionali molto importanti.

La guerra del Nagorno-Karabakh nel 2020 ha mostrato il ruolo determinante dei droni e delle munizioni vaganti, nonché il comando integrato in un conflitto moderno

Tuttavia, gli eserciti francesi semplicemente non lo sono non in grado di sostenere un tale impegno, sia dal punto di vista tecnologico che dal punto di vista delle capacità. Le forze corazzate pesanti francesi sono state infatti ridotte alla loro forma più semplice, con solo 220 carri armati Leclerc, di cui solo 200 saranno modernizzati, e un'artiglieria semovente di appena più di 100 pezzi, priva di armatura. Nessuno dei veicoli blindati francesi in servizio o in ordine negli anni a venire è o sarà equipaggiato sistema di protezione attiva per contrastare missili e razzi anticarro. Anche la difesa antiaerea e anti-drone delle unità mobili è molto limitata, anche se questi mezzi hanno dimostrato le loro immense capacità durante i recenti conflitti. Lo stesso vale per le forze aeree, che non hanno mezzi di guerra elettronica o di soppressione delle difese antiaeree, e per le forze navali, le cui navi non sono sufficientemente protette dagli attacchi saturanti aerei, droni e missili. Inoltre, le scorte di munizioni e ricambi sono estremamente ridotte, rendendo impossibile sostenere nel tempo un impegno intenso.

Il programma di un candidato alle elezioni presidenziali deve quindi, vista l'urgenza della necessità in questo settore, fornire una risposta e una strategia per rispondervi, entro tempi coerenti con la realtà delle minacce. Ciò presuppone la revisione dell'organizzazione delle forze armate, nonché sforzi in termini di equipaggiamento che superano di gran lunga l'attuale pianificazione prevista dalla LPM fino al 2025. Gli eserciti francesi potrebbero non avere il tempo libero per farlo. Attendere il 2035 o il 2040 per ricevere il MGCS e le SCAF essere coinvolto in conflitti di un livello tecnologico e militare completamente diverso rispetto all'intervento in Mali.

3- Adatta il formato degli eserciti alla minaccia

Al di là delle questioni di equipaggiamento, c'è anche la questione del formato delle forze armate francesi. Questo è ancora inquadrato dalla LBDSN 2013 e dalla sua visione dell'impegno delle forze risultanti da un apprezzamento della minaccia passata, che forse non è nemmeno mai esistita. Oggi una Forza Operativa terrestre di 77.000 uomini non risponde più alla realtà della minaccia, soprattutto quando quest'ultima, peraltro molto richiesta per operazioni esterne, è in grado di mobilitare solo in 30 giorni l'equivalente di 'una brigata meccanizzata rinforzata da 10 o 12.000 uomini, mentre gli eserciti russi possono mobilitarsi 10 volte di più nello stesso periodo. Lo stesso vale per le forze aeree che, con 225 caccia, hanno difficoltà a sostenere l'attuale pressione operativa, anche se la flotta verrà progressivamente ridotta a 185 velivoli. Per quanto riguarda le forze navali, con una singola portaerei, 15 fregate e 6 sottomarini d'attacco, semplicemente non hanno la capacità di schierare permanentemente un gruppo di battaglia di portaerei, né di mantenere più di un gruppo d'attacco di portaerei. teatro principale.

L'Air and Space Army ha ora 220 aerei da combattimento, questa cifra dovrebbe essere ridotta a 185 con il ritiro del Mirage 2000-5 e Mirage 2000D nel prossimo decennio.

Appare quindi fondamentale ripensare a fondo il formato degli eserciti, in modo da rispondere alla realtà delle minacce presenti e future, senza doversi affidare sistematicamente al supporto di un alleato che l'esperienza degli ultimi anni ha dimostrato essere più versatile. . Se la Francia vuole essere in grado di difendere il suo territorio, compresi i suoi territori ultra-marini e la sua Zona Economica Esclusiva, per fornire protezione o un aiuto militare significativo ai suoi alleati e per influenzare le questioni globali, questo non può essere fatto. aumento delle dimensioni dei suoi eserciti. Anche su queste questioni, un candidato alla Magistratura suprema deve presentare in modo chiaro le sue posizioni, nonché i suoi obiettivi.

4- Sfide tecnologiche, industriali e delle risorse umane

Sembra quindi che per rispondere alle sfide presenti e future alla sicurezza, gli eserciti francesi, ma anche l'ecosistema della Difesa industriale e tecnologica, debbano avviare un cambiamento profondo, che porta molte sfide da affrontare. Il primo di questi è la sfida tecnologica. Nessuno può ora negare che il mondo sia entrato in una nuova corsa agli armamenti. La Russia, e in particolare la Cina, sono in vantaggio perché negli ultimi vent'anni hanno compiuto sforzi significativi per modernizzare i loro eserciti e le loro attrezzature, con una notevole accelerazione dall'inizio degli anni 2010. sono stati in grado di sviluppare nuove tecnologie di difesa che gli hanno permesso per recuperare il ritardo e talvolta addirittura superare le capacità tecnologiche occidentali. In questo periodo la Francia, come le altre potenze occidentali, si accontentò di far evolvere le proprie capacità tecnologiche di difesa in proporzione ai suoi soli vincoli di bilancio, senza tener conto delle profonde modifiche che stavano avvenendo altrove.

I primi aerei operativi del programma SCAF franco-ibero-tedesco non sono attesi prima della fine del prossimo decennio nelle unità di combattimento

Infatti, mentre il paese e la sua industria della difesa avevano ancora un comodo progresso tecnologico dieci anni fa con un know-how esclusivo, come in il caso del programma Neuron per esempio, si è notevolmente eroso, ostacolato tanto dalla mancanza di visione politica in questo settore, quanto da programmi di cooperazione europea mal definiti, ostacolati da vincoli interni. Il ritorno all'autonomia strategica e ad un'ambiziosa politica della tecnologia di difesa è quindi essenziale per il futuro presidente. Lo stesso vale per politica industriale della difesa, segnato negli ultimi 20 anni da rinunce importanti, talvolta sull'altare della cooperazione internazionale, e da una mancanza di pianificazione a medio termine, che non consente ai produttori di ottimizzare i propri strumenti per soddisfare al meglio le esigenze degli eserciti francesi e dei clienti internazionali. Su queste questioni, che si tratti del dimensionamento dello strumento industriale oltre che del suo controllo e della sua esposizione a volte eccessiva ai capricci dell'esportazione, i candidati devono anche esprimere le loro posizioni e la loro strategia.

Infine, non basta decretare un aumento della forza delle forze armate per ottenere questo risultato. Questi infatti incontrano serie difficoltà persino nel reclutare e mantenere personale sufficiente con il profilo richiesto, anche se la dimensione degli eserciti non è mai stata così piccola. Sarà infatti necessario dettagliare una strategia che consenta di rispondere alla sfida delle Risorse Umane nelle forze armate, ad esempio attraverso una migliore attrattività delle forze armate, profili di carriera più adeguati, la creazione di borse di studio compensate in anni servizio, ovvero l'attuazione di una vera Guardia Nazionale in grado di rafforzare in modo significativo le forze, soprattutto in caso di grave crisi.

5- La resilienza della nazione

Come hanno dimostrato la Crisi legata al Covid19, ma anche le tante derive cospiratorie che si sono registrate sempre più frequentemente negli ultimi mesi, la Resilienza della Nazione Francese di fronte a una o più crisi maggiori è oggi un problema che tocca direttamente le questioni di difesa in di fronte a crescenti minacce potenziali. Diversi paesi, in particolare la Svezia ma anche la Russia, si sono impegnati a organizzare la resilienza della popolazione a queste possibili crisi, che possono derivare tanto da un attacco terroristico quanto da un evento climatico, dalla comparsa di un nuovo agente patogeno che dall'attacco di un altro stato. La dipendenza della popolazione dai servizi di base come l'acqua, l'elettricità, le comunicazioni, la fornitura di prodotti di consumo ai supermercati o i mezzi di pagamento elettronici, rappresentano oggi le principali vulnerabilità a livello della società. La permeabilità osservata alla disinformazione, anche alla propaganda diretta da uno stato ostile, rappresenta una minaccia altrettanto significativa.

La resilienza dei francesi, come tutti gli occidentali, è stata danneggiata dai confini legati alla crisi Covid, con scene come questa che si sono moltiplicate in tutta Europa.

Rafforzare le capacità di resilienza dei francesi, nella Francia metropolitana così come all'estero, in città e all'estero, rappresenta quindi una delle principali questioni di sicurezza legate alle questioni di difesa, e gli eserciti detengono alcune delle chiavi per rispondere ad esse, come nel caso di affrontare gli attacchi informatici o proteggere le infrastrutture critiche. I candidati alle elezioni presidenziali devono quindi esprimere la loro percezione di questo punto critico e presentare le loro proposte in questo ambito, al fine di consentire agli elettori di valutarne il contenuto.

6- Il calendario delle misure

Se c'è un punto molto critico oggi nella pianificazione della difesa francese, oltre a quello legato al formato, è senza dubbio il calendario dei programmi intrapresi per rispondere alle nuove minacce. In effetti, che si tratti di problemi ad alta intensità, con il programma principale dei carri armati MGCS, il sistema di artiglieria CIFS, ile Sistema di aerei da combattimento SCAFo la portaerei nucleare di nuova generazione, come risposta alle esigenze di deterrenza, con il programma SNLE 3G, il missile ASN4G, o Sistemi antibalistici europei TWISTER, tutti i calendari mirano ad entrare in servizio oltre il 2030, il 2035 o anche il 2040. Tuttavia, la realtà della minaccia è immediata e nulla garantisce che l'attuale status quo durerà per i 15 o 20 anni necessari per dare agli eserciti i mezzi per rispondi a loro. Si pone quindi la questione, e in modo critico, della tempistica delle misure da adottare per consentire agli eserciti francesi di affrontare rapidamente queste minacce.

Con solo 200 Leclerc modernizzati, l'esercito non sarà in grado di sostenere un impegno ad alta intensità per i prossimi 10 anni.

La risposta che un candidato può dare a queste domande consentirà di valutare la durata dell'esposizione al rischio, ma anche la solidità del programma di difesa proposto. In effetti, la ricostruzione di uno strumento militare non può essere decretata in un breve periodo di tempo. È essenziale attuare una pianificazione a medio e lungo termine, sia nel campo tecnologico che in quello delle risorse umane, per le forze armate, nonché per le industrie e i centri di ricerca. È anche in questo calendario che i candidati potranno differenziarsi, per evitare di vedere nuovamente tutti i candidati proporre un programma vago basato su un unico obiettivo di bilancio, non permettendo di anticipare le ambizioni e la visione reale sottostante, tale come un tropismo in termini di cooperazione internazionale o europea, o una visione superficiale senza una reale volontà.

7- Il Modello Economico e la sostenibilità dello sforzo di Difesa

Ultimo, ma non meno importante, di questi temi di difesa strategica per le elezioni presidenziali del 2022, la questione del finanziamento delle ambizioni presentate, e per estensione del modello economico di difesa previsto dai candidati, si sta rivelando più critica. Infatti, senza entrare nei dettagli, la reale esigenza di bilancio degli eserciti per rispondere alle minacce presenti e future richiede un aumento significativo degli stanziamenti per la difesa negli anni a venire, per arrivare a un incremento dell'ordine di 25-30 miliardi di euro all'anno. entro il 2032, vale a dire un aumento dei prestiti di circa 3 miliardi di euro all'anno per 10 anni. Un tale sforzo semplicemente non è alla portata delle finanze pubbliche francesi già duramente colpite dalla crisi Covid. I candidati dovranno quindi ridurre le ambizioni del loro programma per soddisfare le capacità di bilancio francesi negli anni a venire, con la certezza di una maggiore esposizione a grandi rischi e un declassamento del paese sulla scena internazionale, oppure proporre un modello innovativo. economico per soddisfare le esigenze.

Il drone LANCA è lunedì numerosi programmi lanciati dalle autorità britanniche nell'ambito della nuova Integrated Strategic Review, che si basa sugli effetti socio-economici e di bilancio degli investimenti nella difesa industriale per aumentare la sostenibilità dell'impegno di Difesa del Paese.

Di tutti i punti discussi, questo è senza dubbio il più controverso per i futuri candidati, che devono presentare non solo le proprie ambizioni, ma anche il modello di finanziamento e quindi la sostenibilità dello sforzo di difesa proposto. Ci sono soluzioni, indipendentemente dal fatto che lo siano macroeconomico (Difesa con valutazione positiva) o organizzativo e sociale (Base Defense). Alcuni paesi, come gli Stati Uniti e la Russia, applicano questi principi da molti anni. Altri si stanno evolvendo per conformarsi, come nel caso della Gran Bretagna con la sua nuova revisione strategica integrata. Ma una cosa è certa, le soluzioni proposte per il finanziamento dello sforzo di difesa a venire permetteranno di valutare nel dettaglio sia le vere ambizioni sia la solidità del programma proposto da ciascuno dei candidati in questo campo.

Conclusione

Costituzionalmente, il Presidente della Repubblica è il capo degli eserciti francesi. In quanto tale, è garante della protezione della sovranità e degli interessi del Paese, e più di ogni altra cosa, della sicurezza degli stessi francesi, ovunque si trovino. I recenti sviluppi geopolitici hanno dimostrato che gli anni, e anche i decenni a venire, saranno molto diversi da quelli che abbiamo vissuto negli ultimi 30 anni, con la recrudescenza dei rischi di grandi conflitti tra stati e la minaccia nucleare, ma anche con il comparsa di nuove minacce legate al cambiamento climatico, alla densificazione delle popolazioni umane e alla democratizzazione di alcune tecnologie. In ogni caso, un candidato alla presidenza non può più ignorare o trattare superficialmente queste questioni di difesa.

Come abbiamo visto, la posta in gioco è ormai notevole in questo campo, nell'entità dei rischi incorsi, e non è più possibile accontentarsi di un programma breve o di vaghe ambizioni per affidargli le redini del Paese e quindi di la sicurezza dei francesi. Possiamo solo sperare, quindi, che i candidati alle elezioni presidenziali, almeno quelli che più probabilmente giocheranno un ruolo decisivo in queste elezioni, affrontano l'argomento con ambizione e chiarezza nel loro programmae che risponderanno ai 7 punti discussi qui. Dipenderà dai candidati, ovviamente. Ma dipenderà anche dagli elettori, che faranno delle questioni di difesa una questione della prossima campagna elettorale, oppure no ...

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE