La Grecia si prepara a ordinare 6 Rafale aggiuntivi

"Uno squadrone da combattimento ha 18 aerei, ma un buon squadrone da combattimento ha 24 aerei". È così che ha presentato una fonte militare greca specifica per il caso L'imminente intenzione della Grecia di comandare altri 6 Rafale dalla Francia per il 332esimo Hellenic Chasse Squadron, che ha già inviato 6 piloti a Mont-de-Marsan per iniziare la loro trasformazione sull'aereo francese. Sulla base dell'attuale contratto per l'acquisizione di 18 Rafale allo standard F3R, di cui 6 nuovi velivoli e 12 prelevati dalla flotta aeronautica e spaziale, Atene stima l'importo della transazione a 800 milioni di euro, al fine di cedere la Hellenic Air Forza un vantaggio sostanziale e duraturo sul suo avversario di lunga data, le forze aeree turche.

L'ipotesi di uno o più ordini Rafale aggiuntivi è apparsa molto rapidamente nei circoli militari, politici e industriali greci, una volta che il primo ordine era stato approvato. Efficiente nelle missioni aria-aria, in particolare grazie ai missili Meteor e Mica NG, come negli attacchi aria-superficie e aria-superficie, l'arrivo di Rafale appare come un "Game Changer" nelle tensioni tra Atene e Ankara nel Mar Egeo. Ma per ora, le autorità greche devono investire con attenzione il loro budget per l'acquisizione di attrezzature per la difesa annuale, mentre il Paese prevede di acquisire 4 nuove fregate e ammodernare le sue corvette Meko 200HN per 5 miliardi di euro, che ha già acquistato MH-60 Romeo anti -elicotteri da guerra sottomarini e sta modernizzando parte della sua flotta F16 allo standard Block 70+ Viper. Inoltre, l'Esercito ellenico modernizzerà presto la sua flotta corazzata media, con un fabbisogno stimato di oltre 2000 veicoli.

Il Rafale appare agli occhi delle forze aeree elleniche come un "cambio di gioco" nella competizione tra esso e le forze aeree turche.

Ma la probabile acquisizione di 6 nuovi Rafale dimostra la fiducia che hanno le forze aeree elleniche, ma anche le autorità di Atene, sia nei loro nuovi velivoli che nel solidissimo partenariato per la difesa che unisce Francia e Grecia, in particolare. di fronte alle ripetute percosse del presidente RT Erdogan negli ultimi mesi. Ed è molto probabile che negli anni a venire, Atene si impegni ad ordinare nuovi lotti di Rafale, nuovi o ammodernati, sia per tenere il passo con i 300 F16, F4 e F5 Turchia, sia per consolidare l'interoperabilità con le forze aeree e navali francesi. La determinazione dimostrata da Parigi a sostenere la Grecia negli ultimi mesi è un parametro potente in questa volontà.

Non si può escludere, tuttavia, che questa sia anche una forma di "risarcimento" offerto alla Francia se Atene dovesse scegliere un'offerta in concorrenza con quella del Gruppo navale nel programma della fregata ellenica. Diverse infatti le offerte ritenute molto allettanti dalle autorità del Paese, in particolare quella di Damen, che mette a disposizione con brevissimo preavviso 4 fregate pesantemente armate 10515 Sigma3,2, per poco più di 4 miliardi di euro. Questo rappresenta un serio concorrente dell'FDI francese, in particolare grazie ai suoi 41 VLS Mk32 che consentono di imbarcare nei suoi 2 silos missili a lungo raggio SM4 oltre a missili con ESSM a medio raggio a 4 per cella, lì oppure i 50 Sylver 32 degli FDI consentono solo l'uso di 2 missili Aster, certamente più efficienti dell'SMXNUMX o dell'ESSM, ma in numero significativamente inferiore. E il trasferimento gratuito delle fregate Jean Bart e Latouche Treville della Marina francese in attesa di soluzione non sembra essere un argomento decisivo per Atene, l'Olanda che offre le sue 2 fregate della classe Karel Doorman, anch'esse considerate efficienti.

Sebbene indiscutibilmente più vincente in quasi tutte le aree, il Naval Group FDI è fortemente contestato nel programma della fregata ellenica dalle gare olandesi, britanniche e americane.

L'offerta britannica sulla base delle fregate Tipo 31 appare interessante anche per Atene nonostante le sue capacità operative più limitate, soprattutto a causa del suo prezzo unitario inferiore a 500 milioni di euro senza armamento, con l'aperta speranza della Marina ellenica di poter negoziare. il trasferimento delle 2 fregate Tipo 23 che saranno ritirate dal servizio dalla Regia Marina nei prossimi anni secondo le direttive della nuova Rivista Strategica Integrata. Finalmente, l'offerta americana, sulla base della fregata leggera MMSC, se rimane molto indietro dal punto di vista operativo, ha forte sostegno diplomatico da Washington, mentre Atene continua a sperare che la Casa Bianca si schieri più fermamente dalla sua parte contro Ankara tra tensioni e sanzioni turco-americane. Per riassumere la situazione, l'offerta francese è senza dubbio la più performante nella maggior parte degli aspetti operativi tra le 4 proposte che sembrano avere i favori di Atene, ma è anche la più costosa, e i limiti del sistema di lancio verticale Sylver chiaramente funzionano contro di esso.

Tuttavia, le decisioni di acquistare armi non si limitano a un semplice confronto di prezzo e prestazioni su un foglio Excel. Il coinvolgimento delle forze francesi a fianco delle forze elleniche questi ultimi mesi di fronte ad Ankara giocheranno indubbiamente un ruolo decisivo negli arbitrati che verranno condotti, mentre il bando di gara relativo al programma della fregata ellenica resta sotto forma di trattativa bilaterale stato-stato, e non sotto forma di ' un bando di gara. La fortissima presenza francese durante l'esercitazione Iniochos 2021, con non meno di 11 Rafale e 5 Mirage 2000D inviati dall'Aeronautica Militare e dalla Marina francese, mostra il desiderio di Parigi di costruire un'alleanza di fatto con Atene, mentre allo stesso tempo si moltiplicano i contatti tra le industrie della difesa francese ed ellenica studiare sinergie e possibilità di cooperazione.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE