Gli Stati Uniti possono sconfiggere la Cina, ma con armi che non esistono

Contrastare un'offensiva contro Taiwan è oggi una delle, se non la principale preoccupazione delle forze armate statunitensi. Sfortunatamente, il molto molti giochi di guerra realizzati negli ultimi anni su questo argomento sono poco incoraggianti, gli eserciti statunitensi vengono regolarmente respinti e l'isola indipendente cade nelle mani di Pechino nella maggior parte dei casi. Molte opzioni e innovazioni vengono ora testate nel tentativo di rispondere a questa sfida, ad esempio con unità più piccole, molto mobili e meglio coordinate come raccomandato da le nuove dottrine dei Marines et dell'esercito degli Stati Uniti, la chiamata a navi robotiche e droni per la US Navy, e l'uso di missili ipersonici e una dottrina di impegno cooperativo "Tutto il dominio" per la US Air Force. Ma poi di nuovo, l'account non sembra essere lì.

Tuttavia, la US Air Force ha annunciato la scorsa settimana di aver ottenuto risultati incoraggianti nelle recenti simulazioni. In un articolo dettagliato, la giornalista Valerie Insinna è apparsa su Defense News tutte le scelte che hanno portato a questo risultato, in particolare quella di utilizzare massicciamente armi che oggi sono in fase di sviluppo o che semplicemente non esistono. È il caso del caccia NGAD di nuova generazione dell'Aeronautica Militare degli Stati Uniti, un programma nelle primissime fasi del suo sviluppo, e il cui l'USAF ha svelato di nascosto un progetto grafico nella sua relazione semestrale sulle sue acquisizioni, ma anche sulla piena integrazione della dottrina "All-Domain" in fase di sviluppo, Droni da combattimento Skyborg, armi ipersoniche a lungo raggio, nonchéun nuovo caccia leggero di mezza generazione, dimostrando i limiti di alcuni programmi presentati come onniscienti, come l'F35.

L'aeronautica americana ha rilasciato una visuale del suo nuovo programma Next Generation Air Dominance. Nello stato del programma, è impossibile prevedere che il dispositivo finale assomiglierà effettivamente a questa immagine, soprattutto perché il programma NGAD sembra andare verso non un nuovo dispositivo, ma un insieme di dispositivi specializzati complementari che condividono la stessa base tecnologica.

La costante minaccia che il caccia cinese eserciterà sugli aerei di appoggio, in particolare sulle petroliere, obbligherà infatti l'Aeronautica americana a mettere in atto dispositivi dotati di un sufficiente raggio d'azione. Per raggiungere questo obiettivo e svolgere azioni offensive su Taiwan o sul suolo cinese, l'F35A dovrebbe quindi impiegare carri armati aggiuntivi, distruggendo la sua presunta risorsa più efficace, vale a dire la furtività. In effetti, l'F35A dell'USAF deve essere stato confinato, in questa simulazione, a missioni di attacco a lungo raggio, come l'F15EX, oa missioni contro navi e aerei cinesi all'interno del perimetro dell'aereo, costringendoli ai pianificatori statunitensi a utilizzare altri dispositivi per svolgere azioni offensive, come l'F22, che non è la funzione primaria, e soprattutto NGAD, che è quindi sempre più essenziale nel medio termine per sopperire alle debolezze del sistema offensivo americano.

Inoltre, e per minimizzare gli effetti degli attacchi cinesi sugli aeroporti militari alleati, l'USAF ha deciso, in questa simulazione, di distribuire il più possibile le proprie forze su tutti gli aeroporti disponibili, in modo da ridurre gli effetti di un massiccio attacco su uno di loro. Anche in questo caso, i dispositivi di manutenzione pesanti e complessi, come l'F35 e l'F22, sono facilmente portatori di handicap, perché semplicemente non sono stati progettati per funzionare in un ambiente così degradato e rustico. Da qui l'interesse ad avere un nuovo velivolo, generazione 4.5 come previsto dall'USAF, per sostituire a questo livello i suoi F16 che sono troppo vulnerabili alle difese cinesi, ma la cui impronta logistica sarebbe molto più leggera, e maggiore rusticità, nei confronti dispositivi più pesanti e più moderni, come l'F35A.

Per ottenere il vantaggio simulato, l'aeronautica americana ha dovuto utilizzare apparecchiature non ancora in servizio, come i droni di tipo Loyal Wingman sviluppati nell'ambito del programma Skyborg.

L'uso dei droni è anche un fattore chiave per affrontare con successo le forze cinesi in uno scenario del genere. Infatti, anche con le ipotesi tecnologicamente vantaggiose mantenute durante le ultime simulazioni, le perdite simulate di un tale conflitto, negli uomini come nella materia, sono molto elevate, sproporzionate rispetto a quelle registrate durante gli ultimi conflitti che hanno segnato il XX secolo, come in operazioni in Iraq e Serbia. L'utilizzo di droni di tipo “Loyal Wingman”, i cui costi ridotti ne consentono la distruzione al fine di ottenere un vantaggio tattico, è quindi essenziale, sia umanamente che economicamente, a fronte delle difese cinesi.

L'obiettivo principale di questa simulazione, che non è alla sua prima iterazione, è soprattutto valutare le diverse opzioni tattiche e tecnologiche a disposizione degli eserciti americani, in un conflitto importante e in uno scenario complesso, come La Défense de Taiwan. Questi hanno dimostrato, nel corso degli anni, che l'attuale potenza militare degli Stati Uniti non era progettata per uno scontro contro un paese come la Cina, mentre al contrario, Pechino ha organizzato e dimensionato il suo strumento militare per questo unico scopo. L'entusiasmo che abbiamo visto per due anni al Pentagono, con la promozione di nuove dottrine, l'accelerazione di alcuni programmi tecnologici e arbitrati sempre più tesi tra Congresso, industriali e militari, sono il risultato di più che preoccuparsi per questi wargames .

Come la Cina, la Russia ha sviluppato un'importante capacità di sopprimere gli aerei di supporto avversari, come Awac e aerei cisterna, ad esempio con il missile aria-aria R37M a lunghissimo raggio recentemente qualificato a bordo del Su-Russian 35S.

Perché, non commettere errori, ciò che è vero per la Cina su Taiwan, è altrettanto vero per la Russia per l'Ucraina, anche per i paesi baltici o per la penisola scandinava. Se dovesse sorgere un conflitto nell'Europa centrale o orientale, tutti gli aeroporti militari della NATO a est di una linea che passa per Londra e Parigi sarebbero effettivamente l'obiettivo di attacchi missilistici russi, costringendo a una grande dispersione di aerei, ea missioni svolte da molto più lontano dall'aviazione da caccia occidentale. Allo stesso modo, le navi cisterna e la sorveglianza aerea saranno gli obiettivi primari dei Su-35, Su-57 e Mig-31 russi armati di missili antiaerei a lungo raggio come l'R-37M appositamente progettato per questa missione. Da quel momento in poi, i numerosi F35A acquisiti da diverse forze aeree europee, e presentati dalla Lockheed e dal Dipartimento di Stato americano come l'ultimo aereo da caccia, si dimostreranno altrettanto svantaggiati nel difendere l'Europa quanto lo sono nel difendere l'Europa. Difendere Taiwan.

Mentre gli eserciti europei sono oggi progettati e modellati per impegni estranei all'elevata intensità di un conflitto tra NATO e Russia, quest'ultima ha invece intrapreso, già nel 2008 a seguito della guerra contro la Georgia, profonde riforme per prepararsi a questo tipo di conflitto. Per quanto riguarda sviluppo simultaneo delle tensioni in Ucraina e intorno a Taiwan in queste ultime settimane, mostra che Pechino e Mosca probabilmente si coordineranno per ostacolare la risposta militare degli Stati Uniti e quindi per garantire un vantaggio tattico più che significativo.

Il calendario dei programmi europei, come SCAF e MGCS, sembra essere sempre più al passo con la realtà degli sviluppi e delle minacce geopolitiche e tecnologiche che possono colpire l'Europa.

Possiamo quindi chiederci, come abbiamo fatto molte volte su Meta-Defence, sulla rilevanza dei grandi programmi a cui oggi partecipano la Francia e gli europei, in particolare in termini di palinsesto. Che si tratti di nuovi veicoli corazzati pesanti in grado di soddisfare le esigenze del moderno campo di battaglia tecnologico, in particolare di fronte a droni, munizioni vaganti e missili anticarro a lungo raggio, o sistemi di combattimento aereo in grado di sfidare la Russia integrata multistrato difesa antiaerea, questa attrezzatura sarà probabilmente necessaria molto prima del 2035 o 2040, come previsto oggi. In questo senso, le lezioni delle simulazioni dell'Aeronautica Militare USA contro Taiwan dovrebbero servire da scossa elettrica in Europa come avviene negli Stati Uniti, ed in particolare in Francia, unica nazione nucleare del continente, nello stesso così come sembrano essere stati assimilati dalla Gran Bretagna a giudicare dalGli orientamenti a volte radicali assunti dalla nuova Rivista Strategica Integrata.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE