Il nuovo Boramae KF-21 della Corea del Sud è un combattente congiunto di successo?

Solo XNUMX anni dopo aver effettuato la prima analisi dei rischi, e meno di due anni dopo l'inizio dell'assemblaggio, il primo prototipo del programma di caccia sudcoreano KF-21, precedentemente designato programma KFX e ufficialmente chiamato Bomamae (falco) durante questa cerimonia, è stato presentato ufficialmente questo venerdì a Seoul di fronte a una delegazione di oltre 250 funzionari sudcoreani e stranieri. Va detto che tutto in questo programma è eccezionale, almeno finora. Mentre solo 30 anni fa, l'industria aeronautica sudcoreana era ancora agli inizi, ha raggiunto l'impresa di sviluppare in poco più di 10 anni, e per meno di $ 8 miliardi, un primo dispositivo per i meno promettenti, incontrando molti operativi e le aspettative di bilancio in Asia e nel mondo. Furtivo, manovrabile, veloce e dotato di elettronica di bordo avanzata, il KF-21, il cui prezzo unitario dovrebbe aggirarsi intorno ai 65 milioni di dollari, ad es. il prezzo in condizioni fly-away di un F16V Viper, non rappresenta quello che avrebbe dovuto essere il programma Joint Strike Fighter e il suo avatar, l'F35A?

Va detto questo il KF-21 ha qualcosa da sedurre. Lungo quasi 17 metri con un'apertura alare di 11m20, l'aereo è imponente, supera di 2 metri i 15 metri del Rafale o dell'F16, senza essere eccessivamente pesante, con una massa a vuoto di 11 tonnellate, 1 tonnellata in più rispetto al Rafale, e un peso massimo al decollo di 25 tonnellate, che è tanto quanto l'aereo francese. È alimentato da due motori General Electric F414-400, lo stesso che equipaggia il Super Hornet, il Gripen e l'Indian Tejas, dandogli una spinta a secco di quasi 11 tonnellate, e vicino a 20 tonnellate con il postcombustore, e un rapporto peso / potenza più confortevole. Questa configurazione consentirà di raggiungere una velocità massima di 1400 nodi, ovvero Mach 1,81 secondo i dati forniti da DAPA, l'agenzia sudcoreana per gli armamenti. L'autonomia, il limite massimo e la velocità di risalita restano, per loro, da stabilire con precisione. Infatti, contrariamente a un'abitudine diffusa nel campo dell'aeronautica militare, il produttore sudcoreano KAI, non più delle autorità del Paese e della DAPA, non oltrepassa le capacità operative del loro ultimo nato. Sarebbe anche l'opposto, perché nonostante un design stealth, e una probabile capacità di super-crociera e un'elettronica di bordo avanzata, l'aereo si presenta come appartenente alla generazione 4,5, XNUMX, o sostanzialmente uguale a quello a cui il i comunicatori di Lockheed Martin sono stati così gentili da classificare il Rafale, il Typhoon o il Gripen.

Ci sono voluti solo 10 anni e 8 miliardi di euro per progettare e assemblare il primo prototipo della KF21 Boramae, che di per sé rappresenta una prestazione notevole per un dispositivo di questa ambizione.

L'elettronica di bordo è senza dubbio un punto di forza del KF-21, e un'impresa notevole dell'industria aeronautica sudcoreana. In effetti, gli Stati Uniti hanno autorizzato Lockheed-Martin e General Electric ad accompagnare KAI e DAPA in questo programma, ma hanno posto il veto a 4 tecnologie critiche, vale a dire il radar AESA, il sistema di rilevamento a infrarossi IRST, la suite di guerra. pod di avvistamento a infrarossi. L'industria sudcoreana ha quindi dovuto sviluppare le proprie 4 tecnologie che equipaggiano bene la KF21, e questo in tempi straordinariamente brevi. In quanto tale, l'aereo è ora quasi il 63% progettato dall'industria sudcoreana, compresi l'aereo e tutti i sistemi, che rappresenta 12.000 posti di lavoro in più di 550 aziende, 16 università e 11 laboratori, segnando lo sforzo complessivo generato da questo programma nel paese . Una volta avviata la produzione industriale, secondo le autorità sudcoreane verranno creati altri 10.000 posti di lavoro, mentre si cercherà di ridurre la dipendenza tecnologica del programma, soprattutto nel campo dei propulsori.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso agli articoli di notizie, analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti. L'abbonamento deve essere sottoscritto il il sito web di Meta-Defense


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE