MBDA presenta Skywarden, una visione molto innovativa della lotta ai droni

Sia nel campo dei droni stessi, sia in quello dei sistemi destinati alla protezione dai droni, le industrie e gli eserciti europei non lo sono rinomato per essere all'avanguardia in questi campi. Questo potrebbe cambiare rapidamente con il programma Skywarden, sviluppato dalla compagnia missilistica europea MBDA, che porta una visione efficace e innovativa in questo campo, che probabilmente risponderà a molte questioni e attrarrà molte forze armate negli anni a venire.

Non c'è bisogno di cercare un cannone, un missile o un laser, montato su un veicolo blindato, lo Skywarden è soprattutto un sistema modulare di sistemi, destinato a integrare e controllare dinamicamente una vasta gamma di sensori, soft-kill e hard-kill effettori, per superare questa minaccia, in tutta la sua diversità, dai droni MALE alle munizioni vaganti, compresi i mini droni da ricognizione e gli sciami di droni. Pertanto, il sistema potrà fare affidamento su radar, sistemi elettro-ottici e sistemi di rilevamento elettronico per localizzare e identificare le minacce; utilizzare segnali o jammer GPS per confondere i droni; e usando cannoni, armi ad energia laser o microonde e missili, per eliminare fisicamente i droni.

Lo Skywarden integra un gran numero di sensori ed effettori che agiscono all'interno del sistema complessivo in un'architettura modulare

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso agli articoli di notizie, analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti. L'abbonamento deve essere sottoscritto il il sito web di Meta-Defense

Solo fino a domenica, approfittane 20% di sconto sul tuo abbonamento annuale (pro/personale/studente) con il codice ESTATE 2021


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE