La fine del mandato di Donald Trump mette in forte tensione la comunità della difesa americana

Mai nella storia recente degli Stati Uniti una transizione tra l'attuale presidente e il presidente eletto ha generato così tante tensioni e minacce per la sostenibilità delle stesse istituzioni americane. Non contento di aver già posto situazioni molto complesse da gestire per il suo successore, come nel caso di la vendita di F35A agli Emirati Arabi UnitiDonald Trump sta infatti minacciando direttamente il Pentagono, portando a termine conseguenze potenzialmente gravi nella speranza di restare in carica oltre il 20 gennaio.

Questo è stato in particolare il caso quando il presidente ha posto il veto al bilancio 2021 del Pentagono alla vigilia di Natale, dopo che è stato convalidato da entrambe le camere del Congresso con un'ampia maggioranza bipartisan. La Camera dei Rappresentanti e il Senato furono costretti a farlo riunirsi in sessione straordinaria per rompere il veto presidenziale con una maggioranza dei due terzi dei voti. Nonostante questo amaro fallimento, Donald Trump sembra non aver finito con il Pentagono.

La situazione che Donald Trump lascerà al suo successore Joe Biden sarà di immensa complessità, poiché il Paese è più diviso che mai.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE