Possiamo cambiare i paradigmi del moderno carro armato?

Dall'inizio degli anni '30, la logica dietro l'evoluzione del carro armato è rimasta la stessa, vale a dire un'armatura più spessa, una pistola più potente e un motore più efficiente per mantenere la mobilità dell'armatura. Così i carri armati da 30 tonnellate come il T34 o il Panzer IV all'inizio della seconda guerra mondiale, si trasformarono gradualmente in carri armati di oltre 40 tonnellate come il Panther e l'M26 Pershing 2, e persino oltre con le Tigri tedesche di 57 tonnellate. Alla fine della seconda guerra mondiale apparvero nel mondo due scuole: la scuola sovietica, con carri armati compatti, più leggeri ed economici come il T54, T64 e T72, e la scuola occidentale, con carri armati più pesanti e costosi, come l'M48 e l'M60 Patton, o l'americano M1 Abrams, ma anche i capi e gli sfidanti britannici. L'eccezione in Occidente era rappresentata dal francese AMX30 e dal tedesco Leopard 1, carri armati molto più leggeri dei loro omologhi americani contemporanei.

Come una nuova generazione di carri armati emerge oggi, con il T-14 Armata in Russia e MGCS in Europa i paradigmi che stanno alla base del loro sviluppo sembrano immutati, con sempre più protezione e più potenza di fuoco, tanto da sostenere il fuoco dell'avversario distruggendolo prima di lui stesso non può distruggerlo. Eppure c'è un programma che cambia radicalmente i paradigmi in questo settore. Il programma CARMEL israeliano prevede di progettare un veicolo blindato da 35 tonnellate, molto mobile, altamente digitalizzato, servito da un equipaggio di soli 2 uomini, inizialmente progettato per prendere il posto della Merkava. Possiamo, quindi, progettare un carro armato di nuova generazione che sia effettivamente più efficiente della generazione precedente, senza soccombere all'aumento quasi sistematico di peso, calibro della pistola e, in definitiva, prezzo? La risposta a questa domanda richiede di entrare un po' più nel dettaglio nella "teoria del serbatoio"...

Perché e come è efficace un carro armato da battaglia?

Dalla prima guerra mondiale, il carro armato principale ha continuato a portare la stessa priorità, vale a dire creare una rottura nelle linee opposte. Con la sua potenza di fuoco, la sua mobilità e la sua massa, il carro può infatti distruggere i punti di resistenza opposti, creando, come le cariche di cavalleria del Medioevo, un certo stupore nell'avversario. Se inizialmente questo strumento si limitava a perforare le linee nemiche, soprattutto per attraversare le trincee nemiche, i progressi in termini di mobilità dei carri hanno permesso di estendere questa nozione di rottura a un livello più globale, attaccando le linee. fornitura, privandolo dei mezzi per continuare la lotta. Questa strategia fu applicata dagli eserciti tedeschi durante i primi anni della seconda guerra mondiale, in particolare contro Polonia e Francia, nel famoso "Blitz Krieg", basato tanto sulla mobilità quanto sulla potenza di fuoco dei panzer. Tedeschi.

Sebbene il carro armato principale svolga un ruolo offensivo importante, rimane anche un fulcro dei dispositivi difensivi, soprattutto per impedire ai carri armati avversari di usare la loro potenza di fuoco e la loro mobilità per sfondare le linee amichevoli.

Ma il carro armato non si limitava a un ruolo offensivo, e durante la seconda guerra mondiale fu integrato anche nei dispositivi difensivi degli eserciti, in particolare in una nuova funzione, quella di "tank killer", il carro armato diventandone il suo proprio peggior nemico. Da un punto di vista difensivo, il ruolo del tank è proprio quello di prevenire la rottura, e di contrastare lo stupore che il tank avversario può generare. Inoltre, può cambiare rapidamente la sua postura e trasformarsi in un'arma offensiva, se si presenta l'opportunità di guidare un contrattacco.

Da queste missioni e dai loro vincoli è possibile modellare astrattamente il carro armato da combattimento secondo 3 criteri:

  • la mobilità, che dipende dalla massa del carro armato, quindi dalla sua corazza e dalla potenza del suo motore
  • la letalità, che dipende principalmente dalla potenza di fuoco in senso lato (calibro, munizioni, precisione…), ma anche, in misura minore, dalla sua mobilità, nonché dalla capacità di sopravvivenza dei carri avversari.
  • la sopravvivenza, appunto, che dipende dall'armatura, ma anche dalla mobilità, oltre che dalla letalità avversaria

Il potenziale di combattimento di un carro armato è una complessa funzione non lineare basata su questi 3 criteri, con importanti nozioni di soglie. Lo stesso vale per il prezzo del serbatoio. Comprendiamo, se vogliamo distruggere l'avversario prima di essere distrutto, la soluzione più ovvia è aumentare la sopravvivenza, quindi armatura, quindi massa, e letalità, quindi potenza di fuoco. , del suo stesso carro armato. Per mantenere una mobilità identica è infatti necessario aumentare la potenza del motore. Tutto ciò porta ad un serbatoio sicuramente più potente, ma anche più pesante e notevolmente più costoso. Ecco come si sono evoluti i carri armati negli ultimi 70 anni.

Inversione di paradigma: il ruolo della mobilità


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE