La Russia svilupperà un drone anti-drone dopo la guerra del Nagorno-Karabakh

Dopo la guerra in Cecenia, gli eserciti russi, così come gli industriali del paese, hanno istituito un meccanismo di feedback molto efficace che consente la rapida integrazione delle lezioni dal campo, per migliorare o correggere le carenze osservate nelle apparecchiature. . Questo meccanismo è stato particolarmente ampiamente utilizzato durante l'intervento russo in Siria, con molti numerose modifiche apportate a quasi tutti i sistemi distribuiti sul posto. Inoltre, il conflitto è servito da banco di prova per molti nuovi sistemi, siano essi droni, jet da combattimento, sistemi antiaerei, armature o sistemi robotici.

In questo contesto, non poteva sfuggire ai pianificatori russi il ruolo preponderante dei droni azeri, e soprattutto le vagabonde munizioni di fattura israeliana come Harop, Harpy e Defender 1C, durante la guerra del Nagorno-Karabakh che si oppose per più di mesi alle forze armene e azere nel Caucaso. Queste munizioni vaganti, associate ad un efficace jamming messo in atto dalle forze azere, in particolare hanno inferto colpi molto duri alle forze corazzate e ai sistemi di difesa antiaerea armena di origine russa, tra cui i più moderni come il TOR M1.

La minaccia delle munizioni vaganti

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso agli articoli di notizie, analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti. L'abbonamento deve essere sottoscritto il il sito web di Meta-Defense

Solo fino a domenica, approfittane 20% di sconto sul tuo abbonamento annuale (pro/personale/studente) con il codice ESTATE 2021


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE