La potenza di fuoco della nuova corvetta israeliana Saar 6 non è seconda a nessuno

La Marina israeliana non è mai stata una priorità per lo Stato maggiore ebraico. Oggi la sua flotta offshore è limitata a 3 corvette da 1000 tonnellate Sa'ar 5 acquisite dagli Stati Uniti più di 26 anni fa, e soprattutto 6 sottomarini Dolphin e Dolphin 2, versioni ingrandite del Tipo 209 di il tedesco HDW, acquisito in due lotti, uno nel 1999 (3 Dolphin) e l'altro tra il 2012 e il 2019 (3 ​​Dolphin 2). Tel Aviv si è infatti fidata della sua forza aerea, delle sue batterie costiere e della sua flotta di motovedette missilistiche per proteggere l'accesso ai suoi porti, peraltro lungi dall'essere potenzialmente minacciata dagli attori del Mediterraneo orientale. quella volta.

Ma la scoperta di un enorme giacimento di gas al largo della sua costa, in quella che è simile alla sua zona economica esclusiva, all'inizio degli anni 2010, ha cambiato profondamente la situazione per lo Stato ebraico. Questo deposito non solo ora copre il 60% del consumo di gas naturale del paese, ma consente anche a Gerusalemme di esportare il prezioso carburante verso i suoi vicini giordani ed egiziani. Allo stesso tempo, anche l'Egitto, ma anche Cipro e il Libano, hanno scoperto depositi simili.

Israele ha ordinato 3 nuovi sottomarini Dolphin dalla Germania per iniziare nel 2027

In effetti, le tensioni regionali sono cresciute rapidamente attorno a questo guadagno economico, con nel caso di Israele, la paura di vedere le sue infrastrutture offshore attaccate da Hezbollah libanesi, ma anche da attacchi di precisione siriani o iraniani. Il suo progetto di gasdotto verso l'Europa in collaborazione con la Grecia è, da parte sua, potenzialmente minacciato da Rivendicazioni turche nel Mediterraneo orientale, proprio quelli all'origine delle tensioni tra Ankara e Atene.

Non sorprende, in queste condizioni, che la Marina israeliana abbia rapidamente assunto una grande importanza sulla scacchiera militare ebraica e si sia dotata di mezzi nuovi e molto più efficienti. È stato il caso del nuovo programma di sottomarini Dolphin annunciato nel 2019, la cui prima copia sarà consegnata nel 2027. Questo è attualmente il caso del programma corvette Sa'ar 6, di cui la prima unità, INS Magen, è stata ricevuta dalla Marina israeliana al porto di Eilat il 2 dicembre. Le altre 3 unità della classe saranno consegnate entro il 2022. Le 4 Corvette costruite in Germania avranno un costo di 430 milioni di euro a Gerusalemme, esclusi armamenti ed equipaggiamenti, di cui uno a carico dello Stato tedesco , come nel caso del programma Dolphin 2 e del prossimo programma Dolphin (3).

Le corvette K130, da cui derivano i Sa'ar 6, sono molto meno armate delle loro controparti israeliane. D'altra parte, la loro autonomia in mare è quasi due volte più importante.

Lunga 90 metri per una stazza caricata di 1.900 tonnellate, la corvetta INS Magen non presenta, a prima vista, caratteristiche nautiche straordinarie. Derivati ​​di Corvette tedesche K130 Braunschweig, il Sa'ar 6 riprende l'aspetto generale e il sistema di propulsione. In termini di equipaggiamento e armamento, invece, la piccola corvetta israeliana semplicemente non può essere paragonata a nessuna nave di questo tonnellaggio. Infatti, oltre al cannone da 76 mm, già imponente per la nave, ne porta fino a 16 missili anti-nave Gabriel V con un'autonomia di 200 km e progettato specificamente per operare vicino alla riva, così come 32 Missili antiaerei a lungo raggio Barak-8 progettato in collaborazione con l'India per abbattere aerei, elicotteri, droni e missili fino a 100 km di distanza e 16 km sul livello del mare.

A questo già più che imponente arsenale, si aggiungono 20 lanciatori verticali per il sistema antimissile C-Dome, versione navale del Sistema Iron Dome, progettato per intercettare e respingere gli attacchi saturanti di missili, razzi e droni che potrebbero prendere di mira la nave o l'infrastruttura che protegge. Ha anche 2 lanciasiluri doppi da 324 mm per la guerra antisommergibile e 2 cannoni leggeri automatici Typhoon per la sua protezione ravvicinata. Infine, la corvette può implementare un file Elicottero navale MH-60 SeaHawk. I sensori ei sistemi di guerra elettronica a bordo sono per lo più coperti dal sigillo di segretezza, e solo il radar principale EL / M-2248 MF-STAR dell'Israeliano IAI Elta, un radar con antenne AESA aereo, in grado di è stato svelato il rilevamento di un aereo a 250 km e un missile su una traiettoria radente a 25 km e che lavora nella banda alta UHF.

La Marina indiana ha testato il missile Barak-8 nel 2015 sparando due missili lanciati dal cacciatorpediniere INS Kolkata. Da allora sono stati effettuati molti altri test.

Questa profusione di attrezzature e potenza di fuoco non è arrivata senza vincoli. In particolare, i Sa'ar 6 hanno una bassa autonomia in mare, data a 4000 km, ovvero quasi la metà di quella del K130 da cui derivano. Ma nel caso di Israele, che non ha vocazione a inviare risorse militari, da solo o in coalizione, a grande distanza dai propri porti d'origine, questa debole autonomia non rappresenta un grande handicap. D'altra parte, la grande concentrazione di sistemi d'arma in un piccolo scafo influirà necessariamente negativamente sulla manovrabilità della nave in mare agitato, ma anche in questo caso è dubbio che ci sarà un attacco alle piattaforme israeliane del gas. nel bel mezzo di una tempesta. Infine, la nave avrà una bassa capacità di subire colpi, per gli stessi motivi. Ma riconosciamo che sarà piuttosto difficile toccarlo e che la maggior parte delle navi da 2000 tonnellate hanno una capacità di resistere a un attacco relativamente limitato.

Ovviamente le corvette Sa'ar 6 sono state progettate per un utilizzo perfettamente incorniciato in un contesto ben definito. Le loro notevoli debolezze, infatti, non incidono sulle missioni loro affidate. D'altra parte, offriranno alla Marina israeliana un aumento di capacità paragonabile all'entrata in servizio di diverse fregate, navi molto più pesanti e costose. Comprendiamo, quindi, perché la Grecia è stata sedotta dal modello, annunciando la sua intenzione di costruire, in collaborazione con Israele, il proprio modello derivato dal Sa'ar 6, la classe Themistocles, chiamato a operare nello stesso ambiente e nello stesso teatro di operazioni delle navi israeliane.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE