L'esercito russo fa esperimenti con il campo magnetico per "demoralizzare l'avversario"

Gli eserciti russi hanno sperimentato, secondo Agenzia TASS, gli effetti di un'arma elettromagnetica volta a "demoralizzare" gli avversari tramite l'esposizione a intense radiazioni elettromagnetiche, privandoli di ogni desiderio di combattere e inducendoli a ritirarsi. Secondo il laconico comunicato stampa pubblicato, l'esperimento, condotto nel distretto di Udmurtia sul Volga a Kazan e Perm dagli ingegneri, ha permesso di evidenziare gli effetti di un potente campo elettromagnetico su apparecchiature e corpi elettrici, nonché per volontà dei volontari, l'esercizio ha raccolto 600 soldati secondo l'articolo.

Non è la prima volta che la Russia segnala armi non letali di questo tipo. Nel febbraio 2019, un comunicato stampa russo ha annunciato che le prime due fregate del progetto 22350 Admiral Gorshkov, noto per testare i missili ipersonici Tzirkon, erano state equipaggiate con Sistemi ottici stroboscopici felini, destinati a creare illusioni sensoriali nell'avversario, impedendogli potenzialmente di agire. Ci sono state anche segnalazioni sull'uso di sistemi comparabili da parte delle forze di terra russe.

la fregata Admiral Gorshkov è equipaggiata con il sistema Felin progettato per creare illusioni sensoriali utilizzando un potente strobo.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE