Logistica, petroliere, munizioni: il Pentagono "concreto" i fondamentali

Dopo anni di vagabondaggio di bilancio e spese sconsiderate, il bilancio del Pentagono è oggi oggetto di tutte le attenzioni, sia da parte del personale che dell'esecutivo e del Congresso, poiché le esigenze rilevate sono importanti mentre il bilancio resta congelato o costretto a rallentare i progressi. Se è vero che quando è arrivato alla Casa Bianca, Donald Trump ha dato la priorità al bilancio del Pentagono, con un aumento di quasi il 15% tra il 2016 e il 2018, la spesa per la difesa statunitense è chiamata a stagnare nel 2020 e nel 2021, per poi crescere “solo” dal 3 al 5% all'anno dal 2022.

Tuttavia, il Pentagono ha dovuto affrontare i rapidi cambiamenti della situazione geopolitica internazionale negli ultimi anni, che richiedono di aumentare le capacità di risposta operativa degli eserciti statunitensi in tempo e con mezzi adeguati. Oltre ai numerosi programmi di ammodernamento in corso nei 4 eserciti americani, Mark Esper, il Segretario alla Difesa, ha annunciato questa settimana che il bilancio 2022 vedrebbe anche il Pentagono concedere un sforzo speciale per rafforzare i servizi essenziali e le capacità di supporto per la proiezione di potenza Americano. In concreto, 3 aree vedranno rafforzati i propri mezzi e capacità: trasporto marittimo, navi cisterna e stock di munizioni.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso agli articoli di notizie, analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti. L'abbonamento deve essere sottoscritto il il sito web di Meta-Defense


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE