Gli eserciti americani testano la loro nuova dottrina di combattimento "All-Domain"

Tradizionalmente, la percezione della potenza militare di un paese si basa sull'apprezzamento del formato delle sue forze, del numero e della qualità del suo equipaggiamento e dell'addestramento o persino del rafforzamento del suo personale. Ed è vero che con poche eccezioni, lo ricordano i francesi ad Azincourt, questo approccio ha permesso di valutare efficacemente l'equilibrio di potere, e quindi il gradiente di potere. Così, durante la Guerra Fredda, la NATO scommise sul potere tecnologico e su una forza aerea più efficiente per compensare il marcato eccesso di armi corazzate sovietiche e dei suoi paesi satelliti.

Ma alcuni eventi storici significativi hanno dimostrato che una dottrina in perfetta sintonia con la realtà tecnologica e delle forze addestrate al rispetto di questa dottrina potrebbe rappresentare l'elemento determinante di un conflitto. Questo è stato il caso nel 1940, quando la Germania nazista dispiegò la sua Blitzkrieg contro la coalizione franco-britannica molto meglio armata, spazzando via la resistenza delle due maggiori potenze militari europee in poche settimane. E questa dottrina permise alle forze impegnate nell'Operazione Barbarossa nel 1941 contro l'Unione Sovietica di ottenere il vantaggio su forze molto più numerose e di allineare più carri armati, spesso più efficienti dei carri armati tedeschi. Ed è stato solo con l'adattamento della dottrina sovietica, in particolare grazie al crescente peso politico del generale Zhukov, il futuro vincitore di Stalingrado, e agli errori strategici imposti da Adolf Hitler, che l'Unione Sovietica è riuscita a invertire gli equilibri di potere. dal 1942.

I veicoli blindati tedeschi erano spesso più leggeri e meno potenti dei loro omologhi sovietici all'inizio del piano Barbarossa, ma una migliore dottrina dell'occupazione permise al Wermarcht di allineare i logori per più di 6 mesi

Fino a poco tempo, c'era poco bisogno che gli Stati Uniti fossero particolarmente innovativi nella dottrina dell'impiego delle forze armate. Il connubio tra il potere economico e tecnologico del Paese, e l'indiscutibile esperienza delle sue forze armate, sono bastati a renderlo il leader indiscusso del potere militare mondiale, soprattutto dopo la scomparsa dell'Unione Sovietica. Ma negli ultimi anni, Washington ha dovuto affrontare una situazione senza precedenti con l'ascesa del potere cinese, poiché per la prima volta gli Stati Uniti si trovano ad affrontare un paese che può potenzialmente pari e addirittura superare le sue capacità industriali e tecnologichealmeno in un futuro non così lontano. Era quindi necessario, al Pentagono, per immaginare una soluzione per mantenere il predominio operativo su un tale avversario. La risposta è una dottrina, denominata in inglese "All-Domain Capacity", una dottrina che è stata testata per la prima volta su larga scala alla fine di settembre 2020, in occasione di Esercizio Valiant Shield 2020.

In concreto, la nuova dottrina americana si basa su un'architettura di comunicazione e comando globale e unificata che riunisce tutti gli attori sul campo di battaglia, presenti o meno sul campo, in modo da ridurre il più possibile i ritardi di comunicazione. e decisionale e quindi agire più velocemente e molto meglio dell'avversario, sfruttando tutti i mezzi a disposizione in ogni momento per supportare la manovra. Si tratta di per sé di una vera e propria rivoluzione nella conduzione delle operazioni attraverso l'Atlantico, che fino ad ora seguivano un organigramma molto rigido e relativamente ermetico, con nodi decisionali spesso penalizzanti sul campo.

Panoramica semplificata del sistema ABMS della US Air Force

La nuova dottrina statunitense darà congiuntamente maggiore libertà decisionale agli attori schierati sul campo, consentendo al contempo ai vertici di controllare l'impegno e modificarlo in modo da poter applicare una strategia più globale. Uno degli obiettivi di questo approccio è quello di ridurre i tempi di validazione delle commesse che in più occasioni hanno fortemente penalizzato la condotta operativa delle operazioni sul campo negli ultimi anni. Inoltre, essendo questa dottrina interarmata, sarà possibile armonizzare, accelerare ed estendere le interazioni tra le unità di ciascuna delle armate statunitensi e gli eserciti potenzialmente alleati schierati nell'ambiente del campo di battaglia.

Una spettacolare dimostrazione è stata fatta poche settimane fa dalla US Air Force e dal suo nuovo Advanced Battle Management System o ABMS, portato dal fragoroso Will Roper, in abbattere un bersaglio aereo supersonico che imita un missile da crociera usando un M109A6 Paladin SPG interconnesso al sistema e dotato di un nuovo guscio guidato ipersonico. In questa dimostrazione, l'ABMS ha permesso di rilevare, identificare, ingaggiare e distruggere il bersaglio in pochi secondi, mentre ciascuna delle azioni veniva eseguita da un attore diverso. Secondo Will Roper, applicando le procedure standard in corso negli eserciti statunitensi, sarebbero occorsi diversi minuti per ottenere l'ordine di fuoco, un ritardo incompatibile con un bersaglio supersonico.

L'aeronautica militare statunitense ha dimostrato l'efficacia del suo ABMS abbattendo un drone supersonico utilizzando un cannone semovente M109 Paladin

L'implementazione della nuova dottrina delle capacità di ogni dominio non è priva di molte difficoltà, sia tecnologiche che operative. In primo luogo, sarà necessario densificare, standardizzare e mettere in sicurezza tutti i sistemi interconnessi delle forze armate, il che naturalmente rappresenta uno sforzo colossale alla portata di una forza armata grande come quella degli Stati Uniti. Inoltre, sarà necessario modificare un numero innumerevole di sistemi, al fine di dare loro la capacità di intervenire all'interno del nuovo sistema in modo sicuro ed efficiente. Questo è in particolare il motivo per cui gli Stati Uniti si impegnano il dispiegamento di una galassia satellite di grandezza senza precedenti fino ad allora, la comunicazione satellitare rimane oggi la più affidabile e discreta.

Ma l'aspetto tecnologico è ben lungi dall'essere l'unico ostacolo all'attuazione di una tale dottrina, lo è altrettanto l'aspetto operativo. Si tratterà, infatti, di riorganizzare l'intervento degli attori e l'erogazione di "servizi" ai vari livelli dell'impegno, in quello che si potrebbe qualificare come campo di battaglia logico, senza saturare il sistema. né saturare le capacità decisionali del comando. Infatti, l'eccesso di richieste e informazioni porta alla comparsa di un fenomeno chiamato infobesità, che rallenta o addirittura altera la decisione, annullando tutti i benefici attesi dalla nuova dottrina. Per evitare ciò, è necessario non solo formare gli operatori, ma anche disporre di sistemi che permettano di analizzare, organizzare e valorizzare le molteplici tipologie di informazioni per fornire efficacemente ai decisori informazioni assimilabili e rilevanti al momento giusto.

Il programma Blackjack della DARPA prevede di schierare una galassia di satelliti militari statunitensi in tutto il pianeta

Inutile dire che questa nuova dottrina si basa in gran parte sulle nuove tecnologie dell'informazione, e in particolare sul maggiore utilizzo delle Intelligenza artificiale, che non è priva di vulnerabilità. Inoltre, prima di essere pienamente operativi, sarà necessario svolgere un gran numero di esercitazioni, in modo da valutare tutte le potenzialità, ma anche le debolezze, che richiederanno diversi anni, e forse decenni, prima per essere pienamente operativi. Tuttavia, vediamo che gli eserciti americani sono determinati a non perdere tempo in procrastinazioni e speculazioni superflue, per avere il prima possibile, se non tutte le caratteristiche previste, almeno i primi mattoni che probabilmente forniranno rapidamente primi vantaggi operativi. Anche qui, si tratta di una rottura con la gestione osservata dei principali programmi di difesa degli Stati Uniti negli ultimi decenni, caratterizzata da ambizioni eccessive, spese sconsiderate e risultati operativi trascurabili.

Anche altri paesi, specialmente in Europa, stanno lavorando per integrare estese capacità di coinvolgimento multi-dominio nelle loro forze armate.

Resta il fatto che la nuova dottrina americana ha già generato iniziative in tutto il mondo, mentre alcuni paesi avevano già compiuto progressi in un approccio simile da diversi anni. In effetti, può sembrare azzardato pensare che la sola esistenza di questa dottrina basterà a superare un tradizionale equilibrio di potere troppo sfavorevole. E se molti apprezzano e abusano dei "moltiplicatori di forza" convenienti per presentare una situazione degradata in modo più favorevole, va tenuto presente che spesso il criterio principale in un equilibrio di potere è la forza. In quest'area non va dimenticata l'esperienza acquisita durante, ad esempio, la guerra di Corea, quando le forze cinesi, più rustiche, meno addestrate e meno efficienti delle forze americane, respinsero queste ultime fino a 38 ° parallelo semplicemente a causa della loro schiacciante superiorità numerica.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE