Sottomarini, portaerei leggere, navi robotiche ... la US Navy descrive in dettaglio il suo prossimo formato

Quella che fino ad ora era solo un'ipotesi supportata ha ora assunto la statura di un progetto a lungo termine. Infatti, Mark Esper, il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, ha spiegato ieri durante un discorso, il formato previsionale della US Navy nei 25 anni venire Come detto in precedenza, l'obiettivo sarà quello di raggiungere, entro il 2045, un formato di 500 navi da combattimento rispettando l'obiettivo di 355 edifici entro il 2030, al fine di contenere l'aumento del potere cinese. Ma lungi dall'essere una semplice estensione omotetica del formato attuale, questo nuovo formato, in gran parte limitato dal suo budget e dal volume umano, coinvolge anche un profondo sconvolgimento nell'architettura della US Navy negli anni a venire.

Cominciamo elencando i punti dettagliati da Mark Esper nel suo discorso:

  • Tra i 70 e gli 80 sottomarini d'attacco (52 oggi)
  • Da 8 a 11 super portaerei (11 oggi)
  • fino a 6 portaerei leggere (0 oggi)
  • Da 140 a 240 navi di superficie e sottomarini robotici autonomi o semi-autonomi (0 oggi)
  • Da 70 a 90 navi logistiche di tutti i tipi (50 oggi)
  • Da 60 a 70 navi da combattimento più piccole (24/35 oggi)
  • Rafforzamento della flotta di droni aerei per missioni di caccia, rifornimento in volo, sorveglianza aerea avanzata, guerra elettronica (e probabilmente pattugliamento marittimo)

D'altra parte, non c'erano dubbi né sull'evoluzione della flotta di grandi navi da combattimento (incrociatori, cacciatorpediniere, fregate pesanti) né sulla flotta d'assalto.

La US Navy considera ancora le super portaerei come la nave chiave per la proiezione di potenza del suo sistema navale

Come si vede, la US Navy vuole soprattutto rafforzare la sua componente di attacco sottomarino per contenere la potenza militare cinese e forse russa. Ed era prevedibile. In effeti, I sottomarini nucleari americani sono entrambi molto efficienti, ben oltre le loro controparti cinesi e persino russe, molto discrete, capaci di un'ampia gamma di missioni offensive, difensive e di intelligence, e relativamente a basso personale, l'equipaggio di un ANS della classe Virginia essendo quasi 3 volte più piccolo di quello di un cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke.

Tuttavia, come ha chiarito Mark Esper nel suo discorso, la US Navy non ha intenzione di fare a meno delle sue super portaerei, che rimangono, secondo il Segretario alla Difesa, il cuore della prevista potenza navale statunitense. D'altra parte, e come ne avevamo discusso più volte, sembra che il file il numero totale di super portaerei sarà ridotto, a beneficio di poche portaerei leggere che sarebbe basato su LHA di classe America, privo di catapulte e trefoli stopper, e che utilizzerebbe una flotta di velivoli a decollo F35B corti e verticali, la cui funzione sarebbe quella di intervenire laddove Portaerei di classe Ford non è richiesto. Una notizia che, tra l'altro, rassicurerà probabilmente i clienti del velivolo americano, dopo l'annuncio del probabile calo della flotta dei Marine.

L'F35B potrebbe entrare a far parte dell'inventario della US Navy se si dotasse effettivamente di portaerei leggere derivate dalle LHA di classe americana.

Il cuore dell'evoluzione della Marina degli Stati Uniti risiederà nell'implementazione di una grande flotta di navi di superficie completamente robotiche e sottomarini da combattimento, con o senza equipaggio. L'obiettivo è naturalmente quello di aumentare il numero di navi senza dover aumentare il numero di marinai, e quindi di contenere questa crescita all'interno di un budget costante o debole. È vero che le navi robotiche hanno, come i droni aerei, molte raffinatezze, prima delle quali quella di non dipendere dalla presenza di un equipaggio, che consente di risparmiare molto spazio in la nave e non dover prendere in considerazione le questioni umane, come il cibo, l'allontanamento familiare, il sovraffollamento a bordo, ecc.

D'altra parte, per molti marinai esperti, l'ipotesi di implementare navi completamente autonome in alto mare a lungo termine è più una fantasia tecnologica che realtà. Infatti, ancora oggi, il funzionamento di una nave in mare richiede moltissimi interventi umani, una parte significativa dei quali consiste nella riparazione di malfunzionamenti o incidenti a bordo. Tuttavia, se è possibile deportare il controllo della missione, i sensori e gli eventuali sistemi d'arma in un centro a terra, riparazioni ai numerosi guasti che non mancano di intervenire su un sistema complesso come una nave da combattimento , non può essere automatizzato.

La maggior parte dell'aumento della flotta statunitense sarà rappresentata da navi di superficie o sottomarini automatizzati senza equipaggio o con solo un piccolo equipaggio opzionale.

E dove un drone aereo esegue missioni della durata di diverse decine di ore consentendo manutenzione e riparazioni regolari, una nave in mare per diverse decine di giorni, o anche diversi mesi, non sarà in grado di tornare in porto al minimo danno, tranne per alterare notevolmente la nozione stessa di potenza navale proiettata. Possiamo quindi immaginare che queste navi automatizzate saranno chiamate ad evolversi solo come parte di un dispiegamento attorno a una nave principale, in grado, se necessario, di inviare personale per eseguire le missioni di manutenzione richieste. In questo caso, le navi di superficie ei sottomarini robotici agirebbero come estensioni deportate di questa nave principale, come Fedeli Wingmen combattono i droni ou Remote Carrier che accompagnerà gli aerei da combattimento in futuro. È probabilmente in vista di questo dispiegamento di navi autonome che la flotta logistica della US Navy verrà rafforzata, il suo ruolo sempre più determinante in vista degli sviluppi geopolitici, ed in particolare di aumento del rischio di conflitti nell'Oceano Pacifico occidentale e nell'Oceano Indiano, a grande distanza dalle basi navali statunitensi.

Infine, l'aumento del numero di combattenti di superficie "più piccoli" ("Combattente di superficie più piccolo" nel testo) corrisponde certamente all'emergere di una nuova classe di fregate leggere o corvette pesanti, navi che misurano circa 4000 tonnellate e destinato alla guerra antisommergibile, scortando e densificando la presenza navale americana sugli oceani, nello spirito di ciò che erano le fregate di classe Knox e OH Perry negli anni '70 e 80. Questo tipo di nave, più leggera, manovrabile e discreta rispetto ai cacciatorpediniere, costituisce infatti ottime piattaforme di wrestling ASM, soprattutto se si tratta di avvalersi di sottomarini convenzionali ritenuti molto discreti. come il cinese Type 039 o il 636.3 Improved Kilo. Per il momento questa categoria è basata sulle Littoral Combat Ship delle classi Independence e Freedom, ma date le capacità operative molto basse di queste due navi, è probabile che il loro futuro nella Marina degli Stati Uniti venga rapidamente interrotto.

Una delle minacce molto gravi che la US Navy deve affrontare oggi è rappresentata dai sottomarini cinesi AIP Type 039B noti per essere molto discreti e affidabili.

Non si può non notare che l'elenco fornito da Mark Esper non descrive in dettaglio il formato delle grandi unità di superficie combattenti, ma il cuore di una moderna potenza navale. Se utilizziamo valori medi per tutte le categorie discusse dal Segretario alla Difesa Usa, deduciamo che la flotta di incrociatori, cacciatorpediniere e fregate della US Navy si ridurrà a 70 unità, appena il 14% della flotta, rispetto agli 87 odierni. Inoltre, 20 di queste navi lo saranno fregate pesanti dal programma FFG / X, che limiterà il numero di cacciatorpediniere e incrociatori a sole 50 unità, con un calo di oltre il 40% rispetto al formato attuale. Considerando che ci vorrà 1 incrociatore antiaereo per unità navale di grandi dimensioni (portaerei e portaerei leggera), si può immaginare una flotta composta da 16 incrociatori, 34 cacciatorpediniere e 20 fregate pesanti, che potrebbero essere ricategorizzate cacciatorpediniere in il futuro, al fine di classificare i combattenti di superficie più piccoli come fregate.

Da questo nuovo format emerge che dovrebbe infatti consentire di aumentare in modo significativo la potenza navale della US Navy negli anni a venire, senza che sia necessario aumentare il numero del personale, le riduzioni del personale in termini di unità di superficie combattenti e portaerei sufficienti a compensare i bisogni umani per i nuovi sottomarini, navi logistiche, fregate e portaerei leggere che entreranno in servizio. D'altra parte, sembra difficile riuscire in questo esercizio con un bilancio costante, anche cercando tutte le riserve di bilancio previste da Mark Esper. Oltre a forti vincoli di bilancio, questo formato richiederà anche significativi progressi tecnologici, in particolare nel settore dell'automazione. A questi vincoli si aggiungeranno pressioni industriali e politiche, in particolare da parte dei cantieri specializzati in grandi unità navali e degli Stati che le ospitano, che potrebbero vedere sciogliere il loro portafoglio ordini.

La flotta di superficie combattente potrebbe essere la grande perdente del nuovo formato della US Navy, che vedrebbe il numero di incrociatori e cacciatorpediniere diminuire di quasi il 40%.

È comprensibile che questo annuncio di Mark Esper serva tanto a dare concretezza ai necessari sviluppi nella US Navy, e questo a poche settimane dalle elezioni presidenziali, quanto a tenere la temperatura delle reazioni che una simile implementazione potrebbe generare. È quindi comprensibile il motivo per cui le gamme presentate sono così importanti, consentendo così di spostare i cursori per trovare un equilibrio di bilancio e politico quando necessario. In particolare, la minaccia implicita sulle grandi unità di superficie e sulla flotta di super portaerei può dar luogo ad evoluzioni se i bilanci seguono, così da rispettare contemporaneamente l'obiettivo delle 500 navi da combattimento, e il obiettivi politici ed economici cari ai membri del Congresso. Per il momento, né il presidente Trump, né il candidato Biden, intendono aumentare i finanziamenti per la difesa degli Stati Uniti. Proponendo le alternative in modo quantificato, Mark Esper spera probabilmente di forzare il destino e ottenere le estensioni necessarie per resistere alla potenza navale cinese in formazione.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE