I pericoli dello scontro tra Armenia e Azerbaigian

Le forze armate di Azerbaigian e Armenia si scontrano da domenica 27 settembre nella regione del Nagorno-Karabakh, un'enclave indipendentista a maggioranza armena in territorio azero, scontri che hanno già causato decine di morti da entrambi i lati. È impossibile determinare con certezza quale Paese abbia effettuato la prima azione offensiva, il cessate il fuoco in vigore è stato violato da entrambe le parti in più occasioni negli ultimi giorni, ma si osservano, da entrambe le parti, significative concentrazioni di mezzi militari pesanti, facendo temere un confronto su larga scala, dopo quello che aveva provocato quasi 30.000mila morti tra il 1988 e il 1994.

Sia Yerevan che Baku accusano naturalmente l'altra parte di aver iniziato il conflitto, ei due paesi hanno annunciato la mobilitazione dei riservisti e dichiarato lo stato di emergenza. Inoltre, ogni campo è impegnato in una guerra mediatica e propagandistica utilizzando sia i media nazionali che i social network per presentare "la propria verità", costringendo la massima cautela nell'interpretazione delle dichiarazioni e dei rapporti presentati. Per ora, i combattimenti sono stati limitati agli attacchi aerei, di artiglieria e di droni contro le difese aeree e le armature avversarie. Ma ogni campo mobilita importanti forze aeree e meccanizzate, suscitando timori di un conflitto in fuga. Al di là dello scontro diretto tra i due fratelli nemici del Caucaso, è il gioco delle alleanze che fa temere l'estensione del conflitto, in uno scenario che storicamente l'Europa conosce già fin troppo bene.

Attacco di un convoglio azero da parte dell'artiglieria armena

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE