V. Putin vuole trasformare l'industria della difesa russa con una nuova generazione di manager

L'industria della difesa in Russia occupa una posizione speciale nell'economia nazionale e nel panorama industriale. Non solo è il più grande datore di lavoro industriale del Paese, con quasi un milione di collaboratori diretti e indotti, ma è anche uno dei principali fornitori di valuta estera sul mercato internazionale, dopo gas e petrolio, ovviamente. Inoltre, è una solida e permanente riserva di voti per il partito presidenziale "Russia Unita" del presidente Putin. Questo è il motivo per cui riceve un trattamento speciale dal Cremlino e dallo stesso presidente.

Durante un incontro con la commissione per le industrie militari, il presidente russo ha così presentato, a grandi linee, il piano destinato a sviluppare questa industria negli anni a venire. Un piano che si basa, relativamente eccezionale in Russia, non su obiettivi di produzione o annunci fragorosi sui futuri sistemi d'arma, ma su un gruppo di giovani manager appositamente selezionati sostenere questa industria strategica e svilupparla secondo i futuri imperativi industriali, tecnologici ed economici.

Il presidente russo ma anche i suoi ministri visitano molto regolarmente i principali siti industriali militari russi.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE