Cos'è questa "nuova arma nucleare segreta" di cui ha parlato Donald Trump?

In occasione di un'intervista rilasciata a dicembre al giornalista Bob Woodward, per il suo libro in uscita la prossima settimana, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump? ancora una volta fece precipitare gli Stati Uniti e la comunità della difesa globale in suspense, quandosi riferiva a una nuova arma nucleare che avrebbe sviluppato, un'arma unica che nessun altro paese avrebbe, secondo esso, e che sarebbe già in servizio. E aggiungere che non poteva dire di più perché l'argomento era riservato. Naturalmente, da allora, le speculazioni sono state diffuse nel tentativo di capire di quale nuova arma nucleare segreta avesse parlato il presidente.

Va detto che i precedenti interventi sull'argomento dell'inquilino della Casa Bianca hanno qualcosa da invocare moderazione. Così, nel 2017, durante una conferenza stampa, il presidente ha presentato Il caccia F35 Lighting II di Lockheed-Martin come un aereo "veramente invisibile", nelle sue parole, sostenendo che nessuno poteva vederlo, quindi nessuno poteva abbatterlo. Nel 2020 ha ribadito parlando di un nuovo missile "superveloce" capace di andare "17 volte più veloce" degli attuali missili e che presto sarebbe in servizio con gli eserciti statunitensi. In entrambi i casi si è trattato naturalmente di un malinteso da parte del Presidente nei confronti dei briefing tecnici che gli erano stati forniti. L'F35 non è ovviamente più invisibile di una pentola di yogurt, e nessun missile americano operativo è oggi ipersonico, a parte gli ICBM che sono stati per decenni. Molti dei suoi ex collaboratori hanno, in questa veste, indicato che ilIl presidente Trump ha avuto grandi difficoltà a rimanere concentrato durante questo tipo di briefing, questo probabilmente lo spiega.

In una conferenza stampa, il presidente Trump ha dichiarato nel 2017 che l'F35 era un aereo "veramente invisibile", creando stupore nell'assemblea

Con tutta probabilità, il presidente degli Stati Uniti si riferiva alla messa in servizio delle nuove testate nucleari W5-76 a bassa carica (2 kiloton) a bordo dei missili Trident schierate per la prima volta. da un sottomarino lanciatore nucleare di classe Ohio, nel febbraio 2020. Se queste armi sono davvero nuove e il loro sviluppo è rimasto riservato, non sono mai state segrete, l'argomento lo è già nella pubblica piazza un anno prima della loro entrata in servizio. Inoltre, è un programma avviato dal mandato del presidente Obama, e non da quello del presidente Trump. Considerando le responsabilità del presidente eletto in questo ambito, appare quindi probabile che si sia nuovamente smarrito sull'argomento, cercando di dare un po 'più di clamorosità a informazioni già obsolete.

Ma quando si parla di armi nucleari, prerogativa ultima del Presidente degli Stati Uniti che tiene sotto il suo comando, come la sua controparte russa, quasi la metà delle testate nucleari e dei vettori del pianeta, l'incomprensione della posta in gioco la deterrenza è difficile da capire. Questo è il motivo per cui gli specialisti in materia sono rimasti scettici, interrogandosi sulla possibilità di una nuova arma nucleare efficace nell'arsenale americano, forse per contrastare i progressi compiuti dalla Russia negli ultimi anni in questo settore, come il missile RS28 Sarmat, l'aliante ipersonico di Avangard, il siluro autonomo nucleare Status 6 Poseidon, O il missile nucleare 9M730 Burevestnik.

Le armi nucleari, come l'aliante ipersonico russo Avangard qui, non sono destinate a rimanere segrete oltre la loro entrata in servizio, al fine di adempiere alla loro missione di deterrenza.

Ma le possibilità che un'arma nucleare sia simultaneamente operativa e completamente segreta rimangono basse. Le armi di questo tipo, infatti, sono soprattutto armi di deterrenza, destinate a impedire che l'avversario agisca per paura di rappresaglie. Se quest'ultimo non è a conoscenza dell'esistenza del pericolo, la deterrenza non può avere alcun effetto. Se lo sviluppo di nuovi sistemi d'arma di deterrenza è esso stesso, naturalmente, sotto il sigillo del segreto, non appena entra in funzione, questa riservatezza viene revocata e l'arma viene persino messa in scena pubblicamente o mediante dimostrazioni. operativa, o dagli stessi Capi di Stato, per raggiungere i loro reali obiettivi. Questo è ciò che ha fatto il presidente Putin nel gennaio 2019 durante un'intervista televisiva pubblica per la campagna presidenziale russa, quando ha presentato pubblicamente i nuovi sistemi di deterrenza russi.

Resta il fatto che un presidente di una nazione nucleare, che è il più potente tra loro, potrebbe non padroneggiare il concetto di deterrenza è motivo di preoccupazione. Winston Churchill diceva che il miglior argomento contro la democrazia era chattare per qualche minuto con un elettore popolare. Potremmo chiederci se, oggi, discutere con un presidente della prima potenza militare ed economica del mondo, nonché della prima democrazia mondiale come gli americani amano definirsi, non avrebbe lo stesso effetto sul defunto Primo Ministro. Britannico…

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE