L'aeronautica americana è preoccupata per la vulnerabilità dell'intelligenza artificiale allo "spoofing"

L'intelligenza artificiale è al centro della dottrina messa in atto dal Pentagono e replicata negli eserciti americani per mantenere l'ascesa militare sui campi di battaglia nei decenni a venire. Ora, la maggior parte dei programmi attuali, se con veicoli blindati il programma OMFV dell'esercito americano, combattere i droni con il programma Skyborg della US Air Force, o droni navali con il programma Large Unmanned Surface Vessel, tutti prevedono di integrare un importante componente di Intelligenza Artificiale per controllare le macchine, analizzare gli ambienti e dare priorità alle azioni da svolgere. Ma anche l'aeronautica americana anticipa le vulnerabilità di questi sistemi, in particolare alle cosiddette tecniche di "spoofing".

Il russo è bravo a disturbare e falsificare i segnali GPS e ha diverse apparecchiature dedicate, come la stazione Krasuka 4 sopra.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE