La vendita di F35 e EA-18G Growler agli Emirati Arabi Uniti fa infuriare i politici israeliani

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu era riuscito a sopravvivere alle accuse di corruzione politica e alla gestione ampiamente contestata della crisi Covid, ma sembra che l'accordo dato agli Stati Uniti per vendere combattenti F35A, guerra elettronica EA-18G Growler e Reapers droni negli Emirati Arabi Uniti in cambio di una normalizzazione delle relazioni tra i due paesi sotto l'egida di Donald Trump, è stata la goccia che l'opinione pubblica, e soprattutto la classe politica israeliana non lo perdonerà.

Anche se lo nega, tutto indica che la firma dello "storico accordo di pace" tra Gerusalemme e Abu Dabi due settimane fa ha dato luogo a trattative "discrete", avendo il premier Netanyaou garantito la sua controparte americana che Israele non avrebbe utilizzato la clausola di conservazione legale che proibiva agli Stati Uniti di vendere armi a paesi che potrebbero nuocere alla sicurezza dello stato ebraico. Fino ad ora, i successivi primi ministri israeliani si sono sempre opposti agli Emirati Arabi Uniti, ma anche Qatar, Oman, Kuwait e Arabia Saudita, per non acquisire attrezzature di difesa più efficienti di quelle in servizio nel Eserciti israeliani, nonostante i loro rapporti con Washington.

L'acquisizione di droni mietitrici è inclusa anche nell'accordo tra Stati Uniti, Israele e Emirati Arabi Uniti.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE