Gli eserciti britannici sono pronti a fare a meno dei carri Challenger 2 per specializzarsi nel supporto

Sono passati diversi anni da allora il destino di circa 227 carri armati pesanti Challenger 2, di cui 160 in servizio, e dei 388 veicoli da combattimento Infantry Warrior degli eserciti britannici è stato minacciato. Sembra che oggi il risparmio richiesto affrontare la crisi Covid19, così come le evoluzioni in corso sui teatri geostrategici, finirono per vendere la sorte dei carri armati della prima forza armata al mondo che implementarono questo tipo di armamento. Infatti, in un articolo apparso oggi, il quotidiano britannico "The Times", annuncia che le autorità del paese sarebbero pronte a proteggere l'intera flotta di carri armati pesanti e veicoli da combattimento di fanteria cingolati e a specializzare gli eserciti britannici in funzioni di supporto, come il supporto aereo ravvicinato grazie ai suoi elicotteri Apache AH64, supporto logistico grazie ai suoi CH47 Chinook, così come il supporto informatico.

Il progetto britannico è tutt'altro che privo di significato. A causa della sua configurazione ad isola, il Regno Unito non è nella posizione migliore per schierare rapidamente unità corazzate pesanti se dovesse sorgere una crisi in Europa. Inoltre, per gli stessi motivi, è molto meno probabile che il paese sia minacciato dalla stessa forza corazzata pesante. Allo stesso tempo, e come hanno dimostrato le operazioni straniere alle quali le forze britanniche hanno partecipato negli ultimi 15 anni, sono proprio queste capacità di supporto, ma anche attacchi aerei e potenza navale, che sono più spesso richieste dal degli alleati di Londra. Pertanto, i Chinook CH47 della Royal Air Force forniscono capacità di mobilità più che gradite alle forze francesi schierate come parte dell'operazione Barkhane in Mali.

I Chinook CH47 della Royal Air Force forniscono una mobilità molto apprezzata alle unità francesi schierate in Mali

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli di notizie sono accessibile 24 ore e gli articoli della rivista sono accessibili 48 ore. Oltre a ciò, possono essere visualizzati solo dagli abbonati al servizio Meta-Defence. Articoli che trattano soggetti sensibili sono riservati agli abbonati non appena pubblicati.

Abbonamento personale a 4,95 € al mese, 2,50 € al mese per studenti e 18 € al mese per abbonamenti professionali. Le offerte di abbonamento annuali 2 mesi gratuiti.


Scarica il fileApp mobile Meta-Defense per IOS o Android essere informato delle nuove pubblicazioni mediante notifica.

Disponibile su Google Play
Disponibile su Apple Store

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE