Di fronte all'assenza di un piano di ripresa globale, gli industriali britannici stanno diventando impazienti e sollecitano Londra ad agire

Due mesi dopo l'appello lanciato da Paul Everitt - direttore dell'associazione ADS che rappresenta le industrie aerospaziali e della difesa del Regno Unito - alle autorità governative per chiedere " misure urgenti »E simili a quelle prese dai governi francese e tedesco contro i rispettivi BITD, ora è il turno della Confederation of Naval Construction and Engineering Trade Unions (CSEU) per alzare la voce di fronte al silenzio dell'esecutivo britannico.

Riunendo non meno di 100.000 lavoratori industriali e manifatturieri nei settori aerospaziale, cantieristico, difesa e trasporti, alcuni dei quali lavorano per grandi nomi dell'industria della difesa nazionale come BAE Systems, Rolls-Royce o anche Babcock: la CSEU mostra una certa preoccupazione per il proprio futuro di fronte all'assenza di un piano di supporto globale per il settore: 13.000 posti di lavoro altamente qualificati sarebbero direttamente minacciati, essi stessi potenzialmente potenzialmente portare sulla loro scia alla distruzione di 20.000 posti di lavoro nel tessuto industriale sottostante.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE