Il Giappone avvia un partenariato pubblico-privato per sostenere e aumentare le esportazioni della difesa

Costituzionalmente, il Giappone non può esportare armi, motivo per cui l'industria delle armi giapponese è rimasta essenzialmente limitata alla produzione nazionale. Ma la rapida evoluzione della situazione geostrategica in Asia, e le conseguenze che ne derivano in termini di investimenti per il bilancio giapponese, hanno portato le autorità del Paese a rivedere questo severo dogma, ea cercare mercati negli Stati Uniti. produzioni.

Così, Tokyo ha appena annunciato la creazione di una struttura sotto forma di Partenariato pubblico-privato in collaborazione con il settore privato degli armamenti, per promuovere ed estendere le esportazioni di attrezzature per la Difesa "non letali" ai paesi vicini come Indonesia, India, Malesia e Vietnam. È in questo quadro che l'esportazione e finanziamento di 6 motovedette per le guardie costiere vietnamite è stato implementato. Se Tokyo vieta a se stessa di esportare direttamente attrezzature letali, sembra che nulla impedirà alle società di difesa giapponesi di partecipare alla progettazione e produzione di tali apparecchiature da parte dell'industria locale del cliente.

Derivata dalla F16, la giapponese F2 non è mai stata esportata nonostante le sue caratteristiche avanzate

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE