La guerra civile libica potrebbe ridefinire il combattimento aereo moderno? Parte 2/2

Questo articolo è la seconda parte di una riflessione iniziata in un precedente articolo disponibile qui.

Negli ultimi mesi, la guerra civile libica si è intensificata su più fronti, incluso lo svolgimento di operazioni aeree e antiaeree. Nel campo dell'ANL come in quello del GNA, i mini-droni sono gradualmente stati integrati da droni tattici, quindi da droni MALE armati.

Nella prima parte di questo articolo , pubblicato ieri, abbiamo spiegato come l'uso di droni armati per effettuare attacchi mirati abbia portato ogni campo ad acquisire moderni sistemi antiaerei. Questi ultimi, che sono particolarmente costosi, sono stati a loro volta presi di mira, confermando così il potenziale dei droni leggeri e mediani nel contesto di attacchi saturanti ai moderni sistemi di difesa.

In Libia come in Siria, i droni turchi Bayraktar hanno dimostrato di essere formidabili contro i moderni ed efficaci sistemi antiaerei di medio raggio come il Pantsir-S1

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE