Il ritiro degli Stati Uniti da Open Skies minaccia il controllo delle armi nucleari e la sicurezza del Baltico

La scorsa settimana il New York Times ha annunciato che l'amministrazione Trump voleva ritirare gli USA dal trattato "Open Skies". Mentre questo accordo internazionale svolge ora un ruolo minore nel controllo degli armamenti, rimane ancora fortemente simbolico e contribuisce direttamente alla sicurezza di alcuni alleati degli Stati Uniti, in particolare i paesi baltici.

Per la Casa Bianca, il ritiro americano sarebbe giustificato dalla mancanza di trasparenza e dalle ripetute violazioni della Russia nei confronti degli accordi Open Skies, come menzionato nel nostro precedente articolo su questo argomento. Nel mezzo di un anno elettorale, e mentre Donald Trump si sta ancora presentando come eccezionale negoziatore internazionale, il ritiro di Open Skies sembra soprattutto prepararsi al ritiro americano dei nuovi accordi START che limitano il numero di armi nucleari detenute dagli Stati Uniti. Stati e Russia. Finora, le provocazioni di Trump per spingere Mosca a rinegoziare i trattati sono state in gran parte fallite.

Gli Stati Uniti usano due OC-135, ex petroliere modificate, per condurre i loro voli Open Skies. Lasciando l'accordo Open Skies, Washington risparmierà il costo di sostituirli.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso agli articoli di notizie, analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti. L'abbonamento deve essere sottoscritto il il sito web di Meta-Defense


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE