Discreto quanto strategico, l'X-37B è tornato in orbita

Sabato scorso, la nuovissima US Space Force ha effettuato il suo secondo lancio nello spazio dalla sua creazione. Ma a differenza del lancio di marzo, il razzo Atlas 5 della United Launch Alliance questa volta non trasportava alcun satellite di comunicazione ma uno dei due misteriosi velivoli spaziali Boeing X-37B Orbital Test Vehicle.

Questo è il sesto volo dell'X-37B dal 2010. La missione precedente, terminata nell'ottobre 2019, aveva visto il drone spaziale Boeing battere il proprio record di 780 giorni trascorsi in orbita (vedi il file che avevamo dedicato all'X-37B dopo questo volo). Se l'X-37B è ora un normale in orbita terrestre bassa, la US Air Force (che possiede i due piani spaziali) e la US Space Force (che ora li farà funzionare in orbita) continuano a mantenere il segreto intorno delle sue capacità e delle sue missioni.

Uno dei due X-37B prodotti dalla Boeing sotto la carenatura di un Atlas 5, sabato scorso pochi giorni prima del decollo nell'ambito della missione USSF-7

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso agli articoli di notizie, analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti. L'abbonamento deve essere sottoscritto il il sito web di Meta-Defense


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE