I futuri velivoli da addestramento della Marina statunitense non possono imbarcarsi sulle portaerei americane

Il 14 maggio, la Marina degli Stati Uniti ha emesso una richiesta di informazioni (RFI) riguardante un nuovo aereo a reazione destinato ad addestrare i suoi piloti a sbarcare su portaerei. Se per il momento si tratta solo di scoprire le offerte disponibili dai produttori, questa RFI segna il lancio del programma per sostituire gli asini Boeing T-45 attualmente utilizzati dalla Marina degli Stati Uniti.

Tuttavia, le richieste di NAVAIR (incaricate della gestione dell'aviazione navale americana) non riguardano un aeromobile navalizzato in grado di imbarcarsi su portaerei. Secondo la documentazione ufficiale, la Marina degli Stati Uniti è alla ricerca di un velivolo derivato da un jet di addestramento esistente in grado di simulare un ambiente tattico completo ed eseguire touch-and-go su piste a terra e su portaerei .


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE