I bombardieri americani B-52 lasciano il Pacifico nonostante le nuove tensioni nella regione

Dieci giorni fa, sorprendendo tutti, la US Air Force ha annunciato di aver posto fine alla presenza strategica continua di bombardieri su Guam, nel Pacifico. Il giorno prima, il 16 aprile, i cinque bombardieri B-52H Stratofortress ancora presenti lì hanno decollato per tornare alla loro base a Minot, nel Dakota del Nord.

Secondo il Pentagono, la fine di questo dispiegamento era prevista e fa parte del nuovo concetto operativo Dynamic Force Employment , che mira a rendere i movimenti delle forze americane più imprevedibili e quindi difficili da contrastare. Fino ad ora, ciò ha portato principalmente a comunicazioni più sfocate per quanto riguarda gli schieramenti di portaerei , anche se la questione del pre-posizionamento dei bombardieri era stata sollevata già da alcune settimane.

Dal 2004, bombardieri americani di ogni tipo sono stati schierati in modo permanente a Guam. Di recente, il B-52 è stato favorito dall'USAF per la sua capacità a trasportare missili anti-nave.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE