L'Iran schiera il primo satellite militare mentre aumentano le tensioni tra Teheran e Washington

La Guardia rivoluzionaria iraniana ha annunciato ieri aver lanciato il primo satellite militare del paese , Noor-1. A livello tecnico, questo lancio in orbita è un ottimo primo passo per l'Iran, in molti modi diversi. Ma i tempi di questo lancio militare fanno parte anche del gioco di strategia dichiarativa tra Teheran e Washington, e contribuiscono così ad aumentare le tensioni tra i due paesi.

Dopo inizi promettenti , con tre lanci successivi tra il 2009 e il 2012, il programma spaziale iraniano ha accumulato fallimenti. L'ultimo lancio di successo risale quindi al 2015, con il lancio del piccolo satellite sperimentale Fajr da parte di un razzo Safir-XNUMXB + decollato dalla base spaziale di Semnan. Da allora, tutti i lanci si sono conclusi con un fallimento, con la perdita di un razzo Safir a febbraio 2019, ma anche dei quattro razzi Simorgh di nuova generazione. L'ultimo lancio di un Simorgh, il 20 febbraio, non è riuscito a mettere in orbita il satellite Zafar-XNUMX a causa della velocità troppo bassa.

Fino ad ora, il razzo Safir era l'unico lanciatore spaziale iraniano operativo. Tuttavia, non ha avuto successo dal 2015.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE