Nuovi ordini di armi per Algeria, Marocco e Tunisia

In Nord Africa, gli ultimi quindici anni hanno visto le forze armate algerine e marocchine modernizzarsi in profondità. Se l'equilibrio delle forze tra i due paesi vicini non è cambiato in modo particolare, le loro forze terrestri, aeree e navali sono ora dotate di attrezzature moderne ed efficienti. Mentre le potenze europee vedevano una riduzione dei loro mezzi ed efficacia, il Marocco e soprattutto l'Algeria hanno visto al contrario la loro importanza strategica crescere nella regione del Mediterraneo.

Negli ultimi anni, tuttavia, la corsa agli armamenti tra i due paesi sembra essersi attenuata. I contratti di grandi dimensioni si susseguono a un ritmo più lento e per ora è soprattutto importante consolidare le capacità già acquisite. In questo contesto, nuovi annunci suggeriscono che il Marocco potrebbe acquisire missili anti-nave Harpoon per la sua flotta di caccia F-16, mentre l'Algeria sarebbe in trattativa per l'acquisto di elicotteri da combattimento Mi-28 supplementari.

L'uso dell'F-16 per il controllo anti-nave è piuttosto raro. Taiwan usa l'Harpoon sui suoi F-16V.

Missili Harpoon per il Marocco


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE