I programmi di difesa europei hanno il giusto ritmo tecnologico?

Mentre le 3 maggiori potenze militari mondiali, Stati Uniti, Cina e Russia, sembrano essere entrate in una nuova corsa agli armamenti tecnologici, le industrie europee rimangono impegnate in programmi il cui calendario sembra fuori passo con il ritmo tecnologico dato da queste superpotenze. Tuttavia, mentre la controprogrammazione può essere un efficace strumento di conquista del mercato, può anche avere conseguenze molto dannose in determinate circostanze, per la sopravvivenza stessa dell'industria europea della difesa. Come analizzare quindi la strategia europea, le sue origini ei suoi prevedibili effetti a medio e lungo termine?

Dei programmi europei contro i tempi

Dalla metà del 2010, sembra che le 3 grandi potenze militari americane, cinesi e russe abbiano rilanciato una corsa nella tecnologia della difesa. È caratterizzato dalla proliferazione di contratti per modernizzare l'equipaggiamento delle forze con attrezzature più moderne e spesso una rottura dottrinale con quelle in servizio, nonché da importanti scoperte in campi tecnologici completamente nuovi, che probabilmente cambiare radicalmente l'azione militare. Allo stesso tempo, gli europei, sebbene abbiano mostrato una rinnovata iniziativa negli ultimi anni, rimangono per la maggior parte attaccati a programmi più convenzionali, e prevedono solo una svolta tecnologica in un arco di tempo molto più lontano rispetto alle nazioni. riferimento.

Nel 2030, le forze aeree russe allineeranno più di un centinaio di Su-57 e altrettanti droni da combattimento Okhotnik, nessuno di questi materiali ha un equivalente nell'industria europea

È stata la Cina, e in particolare la Russia, a dare il via all'attuale corsa tecnologica. Da parte russa, è caratterizzato da programmi come Su-57 criminale, il carro armato di battaglia Armata T-14, o il Sistema antiaereo S-500. D'altra parte, il paese ha sviluppato una serie di tecnologie rivoluzionarie che gli conferiscono un notevole vantaggio rispetto alla NATO, in particolare in campo delle armi ipersoniche, con il missile balistico aviotrasportato Kinzhal, il missile antinave 3M22 Tzirkon e ancora l'aliante atmosferico Avangard. A ciò si aggiungono i programmi di ammodernamento delle apparecchiature attualmente in servizio, come i carri armati T-72B3M o T-90M, gli aerei Su-34 e Su-35, i sottomarini Anteï e Improved Kilo. L'obiettivo di tutti questi programmi è quello di dare alla Russia, entro il 2030, un innegabile vantaggio tecnologico e numerico militare sulla componente europea delle forze NATO.

Gli Stati Uniti hanno preso la misura degli sconvolgimenti in atto e hanno avviato, dal 2015, una serie di programmi volti a neutralizzare il più rapidamente possibile questa svolta tecnologica a beneficio dei suoi potenziali avversari. L'esercito americano si è così lanciato il grande programma BIG-6, con l'obiettivo di riprodurre i successi del programma BIG-5 degli anni '70 che vide la comparsa del veicolo da combattimento della fanteria Bradley, dell'elicottero UH-60 Black Hawk o del missile Patriot, e che gli diede l'ascesa tecnologica sul campo di battaglia per più di 30 anni. La US Air Force è impegnata in una profonda evoluzione della sua flotta, con il programma F35A per la sua flotta di caccia, il KC-46 per la sua flotta di navi cisterna e il B-21 per la sua flotta di bombardieri strategici. Per quanto riguarda l'esercito americano, l'obiettivo è raggiungere un livello operativo entro il 2030, così da poter raccogliere la sfida posta dalla Russia e soprattutto dalla Cina. Handicappata dalle conseguenze di diversi programmi mal progettati e ad alta intensità di credito, come i cacciatorpediniere Zumwalt o le corvette LCS, la US Navy sembra essere in ritirata oggi, soprattutto perché non è in grado di quadrare il cerchio che rappresenta la sua pianificazione. Ma ha compiuto notevoli progressi in termini di navi autonome, siano esse di superficie o sottomarine, al punto da rappresentare ormai per molti una soluzione privilegiata per rispondere al rafforzamento della marina cinese e delle sue capacità tecnologiche navali.

Nel 2030, l'esercito americano avrà elicotteri di nuova generazione dai programmi FLRAA e FARA, come qui il Raider-X di Sikorsky, finalista della competizione FARA

L'Europa, d'altra parte, semplicemente non ha alcun programma di innovazione tecnologica in corso con una scadenza operativa prima del 2035, o addirittura del 2040. Il programma dicombattente SCAF di nuova generazione Il franco-tedesco non entrerà in servizio prima del 2040 e Programma serbatoi MGCS Next Generation punta al 2035 come data di entrata in servizio. Per quanto riguarda i programmi in elicottero, rimangono tutti sconcertanti di fronte a un classico ai programmi FARA o FLRAA USA. Al momento non esiste un programma avanzato relativo alle armi ipersoniche, o sistemi in grado di contrastare queste armi. Infatti, fino al 2035, nel migliore dei casi, eserciti e industrie europee schiereranno aerei da combattimento della generazione Rafale o Typhoon, carri armati della generazione Leopard 2 o Leclerc, elicotteri della generazione Tiger o NH90. Probabilmente non avrà alcuna attrezzatura come cannoni a rotaia o missili ipersonici, né alcuna altra tecnologia identificata come potenzialmente in grado di interrompere i campi di battaglia del 2030...

Le ragioni di questo stallo europeo

Naturalmente, questo stallo temporale e tecnologico non è la conseguenza di un singolo fattore. È infatti il ​​risultato di numerose decisioni e valutazioni di situazioni negli ultimi 30 anni. In primo luogo, è la dottrina dei “benefici della pace” ad essere messa in discussione. Dopo il crollo del blocco sovietico, i vertici europei intrapresero una rapida riduzione dei mezzi militari a loro disposizione, a causa della scomparsa dell'avversario che da più di 50 anni giustificava la spesa per la difesa. L'obiettivo era ovviamente quello di ridurre i bilanci degli eserciti, o almeno di non aumentarli più, cosa che è stata perfettamente applicata dalle cancellerie europee per più di 25 anni. I mezzi limitati allora a disposizione degli eserciti non consentivano loro di rinnovare in tempo gli equipaggiamenti, né di correggerne l'obsolescenza. In effetti, dal 2015 e dalla fine di questa dottrina un po' idealizzata, gli eserciti europei hanno concentrato i loro mezzi non per prepararsi al 2030, ma per raggiungere il 2010.

Il Leopard 2 rimarrà l'unico carro pesante europeo fino al 2035, le catene dei Leclerc francesi e del British Challenger II essendo state smantellate più di 20 anni fa.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE