Covid-19: quali conseguenze per i progetti di difesa e cooperazione tedeschi?

Qualche giorno fa, l'analista di Forecast International Daniel Darling ha pubblicato un articolo sull'impatto dell'attuale epidemia di coronavirus sulla spesa per la difesa tedesca negli anni a venire. Al di là del cupo inventario redatto da Daniel Darling, ci si può chiedere quali siano i programmi che potrebbero risentire maggiormente dei possibili tagli alle spese del Ministero della Difesa tedesco.

Rallentamento economico e riduzione delle spese per la difesa

In termini di gestione delle crisi sanitarie, la Germania è uno dei paesi europei che gestisce meglio l'epidemia di Covid-19 che attualmente sta colpendo il pianeta. Il paese ha infatti un sistema sanitario relativamente incolume dai tagli di bilancio e un'infrastruttura industriale permettendo di fornire attrezzature mediche per contenere la diffusione del virus.

Tuttavia, come altri paesi del mondo , la buona gestione della crisi sanitaria da parte delle autorità tedesche non consentirà al paese di sfuggire alle conseguenze economiche dell'epidemia. Per anticipare l'impatto dell'epidemia sull'economia tedesca, Daniel Darling si basa sia sugli elementi conosciuti oggi sia su un confronto con la crisi economica del 2008.

Se le forze tedesche sono ben equipaggiate, negli ultimi anni i problemi di manutenzione e gestione hanno fortemente limitato la disponibilità di determinate attrezzature. La situazione stava lentamente iniziando a migliorare quando è emersa la crisi di Covid-19.

In effetti, anche prima delle prime misure di contenimento in Europa, il primo trimestre del 2020 sembrava particolarmente negativo per l'economia tedesca. Ormai, gli analisti stanno pianificando una riduzione del PIL del circa 4% rispetto allo scorso anno. La Germania entrerebbe quindi in una grave recessione , che sarebbe accompagnata da un massiccio aumento della disoccupazione. Una crisi senza misure comuni con quella del 2008-2009 che tuttavia aveva colpito duramente la popolazione tedesca. Peggio ancora, queste analisi generalmente non tengono conto della possibilità che l'attuale epidemia sia solo il primo episodio di una lunga serie, con misure di contenimento che potrebbero susseguirsi ogni volta che il virus ritorna.

Come in molti altri paesi, il governo federale tedesco ha già annunciato che rilascerà diverse centinaia di miliardi di euro di fondi per sostenere l'economia reale. Sono state inoltre sospese le limitazioni costituzionali che impediscono il mantenimento di un disavanzo strutturale superiore allo 0,35% del PIL. Sfortunatamente, a medio e lungo termine, tutto suggerisce che le economie tedesca ed europea impiegheranno del tempo per riprendersi.

In un contesto di recessione, i governi europei dovranno necessariamente risparmiare denaro ma anche rivedere alcune delle loro priorità, in particolare aumentando le loro spese nel settore della salute e della sicurezza interna. Come in ogni crisi, la spesa per la difesa potrebbe diventare una variabile per l'adeguamento del bilancio. E questo è particolarmente vero in Germania, dove le questioni militari vengono affrontate con scarso sostegno da parte del pubblico. Dopo gravi tagli di bilancio e ristrutturazioni amministrative tra il 2008 ed il 2010, la Bundeswehr sembrava lentamente riguadagnare formato ed efficienza decenti . Questi sforzi potrebbero essere ridotti a nulla per molto tempo.

La sostituzione dell'H-53 doveva avvenire nei prossimi anni. Tuttavia, questo programma potrebbe essere ritardato o modificato a causa dell'attuale epidemia.

Nella migliore delle ipotesi, sembrerebbe che il graduale aumento della spesa per la difesa dovrebbe fermarsi. Il Ministero della Difesa dovrebbe quindi accontentarsi di un budget stabile, che dovrebbe comunque consolidare i guadagni, anche se alcuni programmi dovrebbero vedere ridotte le proprie ambizioni. Tuttavia, è probabile che la difesa tedesca pagherà ampiamente gli sforzi di ricostruzione economica del paese con una riduzione netta dei crediti concessi agli eserciti. In ogni caso, alcuni dei principali programmi di difesa tedeschi dovranno essere ridotti, ritardati, ristrutturati o semplicemente cancellati.

Una minaccia ai programmi di difesa tedeschi ed europei

In un contesto di recessione duratura, la Germania si troverà di fronte a un doppio imperativo contraddittorio. Da un lato, sarà necessario incoraggiare l'industria locale per assicurare il suo mantenimento a lungo termine, il che implica fare spese ingenti senza che vi sia un ritorno economico immediato. D'altro canto, sarà necessario limitare il più possibile il disavanzo del paese, e quindi una spesa elevata.

Anche se la spesa per la difesa è ridotta, non tutto sarà fermato e dovranno essere fatte scelte su quali programmi mantenere e quali annullare. Per sostenere a lungo termine l'industria della difesa tedesca, l'ideale sarebbe ordinare armamenti sviluppati e prodotti in Germania. Al fine di limitare le spese, l'acquisto di attrezzature all'estero, in particolare negli Stati Uniti, potrebbe al contrario essere preferito, anche se risponde a un approccio a breve termine.

Previsto per il prossimo decennio, il programma FCAS / SCAF è particolarmente ambizioso. In caso di crisi economica duratura, potrebbe essere rivista al ribasso, integrando ad esempio i nuovi sistemi di combattimento collaborativo a bordo degli aerei da combattimento esistenti.

In tutti i casi, tuttavia, si può immaginare che i programmi realizzati in collaborazione con altri paesi europei possano essere i più minacciati. In effetti, questi ultimi richiedono generalmente ingenti investimenti e sono distribuiti a lungo termine, senza consentire la sicurezza dei produttori nazionali. Lo abbiamo visto chiaramente durante i negoziati con Parigi sull'aereo da combattimento FCAS / SCAF o sul carro armato da combattimento MGCS, dove il Bundestag voleva assicurare la posizione degli industriali tedeschi rispetto alle loro controparti francesi. In un contesto di crisi duratura, la tentazione di sostenere i campioni nazionali industriali sarà ancora più forte.

Di conseguenza, i programmi FCAS / SCAF e MGCS potrebbero essere tra i più colpiti dall'attuale crisi. Da un lato, la sola Germania ha le competenze per sviluppare un successore di Leopard 2. E anche in caso di continuazione della cooperazione franco-tedesca , una soluzione minima articolata attorno all'EMBT presentata nel 2018 da KNDS potrebbe sembrare sufficiente. D'altro canto, in termini di aerei da combattimento, l'orizzonte 2040 sembrerà senza dubbio lontano quando il paese si troverà ad affrontare una grave crisi economica. Inoltre, come nel caso dell'MGCS, sarà possibile giustificare investimenti significativi in ​​un nuovo aereo da combattimento quando sono previsti non meno di tre caccia per sostituire il Tornado nell'attuale decennio?

Il carro armato di battaglia principale europeo è un dimostratore di carro armato che utilizza un telaio di German Leopard 2 e una torretta francese Leclerc. Tale dispositivo potrebbe servire da base per lo sviluppo di una versione semplificata del sistema di combattimento a terra principale, se questo programma dovesse subire tagli di bilancio.

Questa domanda di sostituzione del Tornado potrebbe essere la prima a patire della crisi attuale. Alla fine di marzo, le informazioni provenienti da Berlino parlavano di un acquisto di 90 Eurofighter Typhoon modernizzati, circa 30 Super Hornet e circa 15 Growlers di guerra elettronica. Un acquisto ambizioso, che avrebbe rafforzato le capacità della Luftwaffe . Nei prossimi mesi sarà necessario vedere quale seguito Berlino intende dare a questa idea, ma tutto suggerisce che probabilmente non sarà possibile optare per una tripla flotta di aerei da combattimento e finanziare allo stesso tempo lo sviluppo del FCAS. Allo stesso modo, il Programma di sostituzione dell'elicottero pesante CH-53 potrebbe essere ritardato o semplificato, il che potrebbe favorire il concorrente che offre l'elicottero più economico da acquistare, in questo caso il Boeing CH-47 anziché il CH-53K di Sikorsky.

Infine, sarà necessario vedere se gli eserciti tedeschi avranno i mezzi per continuare i loro acquisti e consegne di equipaggiamento di spedizione, come l'aereo da trasporto A400M, le future fregate MKS-180 o persino gli ultimi due sottomarini di tipo 212? In ogni caso, dovranno essere fatte delle scelte e senza dubbio influenzeranno direttamente l'industria tedesca ed europea.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE