Queste 10 tecnologie che stanno rivoluzionando o rivoluzioneranno l'azione militare (parte 2)

Il ritorno delle tensioni tra le principali nazioni tecnologiche è accompagnato da un'intensa ricerca per sviluppare nuove tecnologie o applicare tecnologie sviluppate durante i 30 anni di relativa pace dopo la fine della Guerra Fredda. Nel la prima parte di questo articolo, ci siamo occupati di applicazioni quantistiche, elettromagnetismo, intelligenza artificiale, nanotecnologie e armi ad energia diretta. Ci sono ancora 5 tecnologie principali da studiare per completare questo pannello di 10 tecnologie che rivoluzioneranno l'azione militare negli anni a venire.

6- Ipervelocità

La velocità degli aerei e dei missili era stata un problema importante negli anni '50 e '60, un periodo durante il quale la ricerca consentiva agli aerei da combattimento di raggiungere e superare velocità Mach 2. Ma dagli anni '70 in poi, il La tecnologia aeronautica ha incontrato due difficoltà paragonabili a quella che ha prevalso durante la gara per superare la barriera del suono. Infatti, oltre Mach 2,8, l'attrito dell'aria sull'aereo provoca un aumento significativo del calore delle superfici frontali, creando gradualmente un plasma che circonda l'aereo e opaco alle onde elettromagnetiche. Inoltre, da mach 3, i reattori convenzionali non riescono più a rallentare il flusso d'aria per controllare la combustione del combustibile, rendendo la reazione termica molto instabile, con un notevole rischio di esplosione.

Apparso per la prima volta nella primavera del 2018, il missile balistico aereo Kh47M2 ha cambiato profondamente la percezione delle armi ipersoniche

Questi due fattori, associati alla diminuzione della minaccia dopo la fine degli anni '80, hanno portato alla stagnazione delle prestazioni degli aerei, come quella dei missili, per quasi 30 anni, e all'emergere di tecnologie secondarie come lo stealth. Gli aerei di questa generazione raramente superano Mach 2, favorendo la super crociera alla massima velocità. Inoltre, il rapido calo delle tensioni tra NATO e Russia ha portato a una altrettanto rapida perdita di interesse per i missili balistici, almeno in Occidente. In Russia e in Cina, tuttavia, il lavoro è continuato, dando vita a una nuova generazione di sistemi d'arma apparsi a partire dal 2015.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE