La modernizzazione della Marina pakistana avanza ad alta velocità

Il riavvicinamento tra Pechino e Islamabad non è più dimostrato, in particolare per quanto riguarda la cooperazione militare e le attrezzature di difesa. A seguito delle tensioni tra le autorità pakistane e americane sotto la copertura di un compiacimento osservato nei confronti dei ribelli talebani e degli islamisti afgani, e in particolare Osama bin Laden, il cui ritiro era stato identificato dai servizi segreti pakistani dal 2009, hanno parte una serie ininterrotta di nuove sanzioni dal 2011. Già vicino a Pechino per questioni di difesa, in particolare nei confronti del nemico ereditario indiano, Islmabad ha quindi accelerato il cambio di alleanza e ha spostato la maggior parte dei suoi programmi militari importati all'industria cinese.

L'esercito pakistano ha ricevuto dagli anni 2000 i suoi primi carri armati Al Khalid derivati ​​dal modello MBT2000 del cinese Narinco, e nel 2019 ha ordinato 240 carri pesanti VT4, una versione export del modernissimo Type 99A. NEL 2019, ha ordinato 236 pistole semoventi su ruote SH-15 da 155 mm, sempre con lo stesso produttore cinese.

Le forze aeree, da parte loro, hanno sviluppato il caccia leggero JF-17 Thunder, in collaborazione con il cinese Chengdu, destinato a sostituire gradualmente gli obsoleti caccia leggeri ancora in servizio, come il mirage III, ma anche i cinesi Chengdu Q- fighters. 5 e F7 acquisiti, come il Mirage III, negli anni '70 e '80. Più leggero dell'F16, anche il JF17 ha dimensioni, massa a vuoto (6 tonnellate) e decollo (11 tonnellate) paragonabili al caccia francese. Nel la sua ultima versione di blocco III, implementa un radar AESA, un IRST e controlli di volo elettrici ed è in grado di implementare i più moderni missili e munizioni cinesi e occidentali, come il missile AMRAAM e l'American Sidewinder proprio come il potente missile con lunga distanza PL15 cinese.

Il caccia leggero KF-17 Thunder offre prestazioni eccellenti e dispone di avionica avanzata, aggiornandolo con combattenti moderni come l'F16V

La Marina pakistana utilizzava ancora la maggior parte delle attrezzature recentemente acquisite dagli occidentali, come Sottomarini AIP francesi Agosta, o fregate di classe Tariq tipo 21 acquisite dal Regno Unito nel 1994. Nel 1996, dopo il ritorno delle fregate Brooke e delle 3 fregate classe Garcia in prestito dalla marina americana, Islamabad si è trasferita a si è avvicinato a Pechino per studiare l'acquisizione di nuove unità, in questo caso le fregate Tipo 053 da 3100 tonnellate in carico, e Tipo 054 da 3900 tonnellate. Il primo contratto per 4 fregate Z-22P della classe Zulfiqar, o Tipo 053H2 in Cina, è stato firmato nel 2006, e nel 2008 sono iniziati i lavori nei cantieri cinesi che dovevano costruire le prime 3 unità di questa classe specializzate nella guerra costiera antisommergibile. Successivamente furono ordinate altre due unità. Le prime 4 unità sono entrate in servizio tra il 2009 e il 2013.

Le fregate di tipo 053H2 della classe Zulfiqar sono specializzate nella guerra costiera antisommergibile

L'ordine per 4 fregate di tipo 054AP ci è voluto più tempo, e i lavori non sono iniziati fino al 2018, tuttavia con un ritmo di produzione molto alto, poiché le 4 fregate sono previste per il 2021 all'interno della Marina pakistana. Lunghe 134 metri per una stazza caricata di 4100 tonnellate, queste navi saranno le unità di superficie armate più potentemente della Marina pakistana, in particolare grazie ai 32 silos verticali che utilizzano missili antisommergibili Yu-8 e soprattutto Missili antiaerei HQ-16, la versione cinese del SA-17 Grizzly della famiglia russa Buk con la quale il missile è stato co-sviluppato, e che offre una gittata di 40 km. È importante sottolineare che la fregata ha avanzate capacità di guerra anti-sommergibile, con il sonar dello scafo MGK-335 e il sonar trainato a profondità variabile H / SJG-206 che gli conferiscono capacità ASM in alto mare. la posa della chiglia della seconda unità è stata effettuata il 23 marzo nei cantieri navali Hudong Zhonghua alla presenza delle autorità navali dei due paesi.

Le fregate 054A sono navi ben equipaggiate ed equipaggiate, in grado di compiere una vasta gamma di missioni nelle aree costiere e oceaniche.

Si noti che oltre alle fregate Tipo 053 e 054, la marina pakistana ha ordinato anche nel 2015 8 sottomarini AIP Tipo 039B, le unità non nucleari più efficienti dell'arsenale cinese, per un importo totale di 5 miliardi di dollari. . I sommergibili entreranno in servizio tra il 2023 e il 2028 e verranno costruiti contemporaneamente in Cina e Pakistan. Infine, nel 2018, le autorità pakistane hanno annunciato l'ordine per 4 corvette di classe Ada da Turchia, un altro stretto alleato del Pakistan, queste navi da 2500 tonnellate devono essere tutte consegnate entro 5 anni. Queste corvette versatili sono dotate di capacità anti-nave con 8 missili Atmaca a lungo raggio, antisommergibili costieri con sonar a scafo e 2 lanciasiluri tripli armati con siluri leggeri Mk46 e capacità di autodifesa antenna rinforzata con la presenza di un sistema RAM.

Le corvette multiuso Ada completeranno l'arsenale della Marina pakistana entro il 2025

Al termine di questa fase di ammodernamento a marcia forzata, la Marina pakistana avrà capacità operative ampiamente rinnovate ed ampliate, e questo in tutti i campi di azione. Resta comunque sensibilmente inferiore alla Marina indiana, anche se quest'ultima deve dividere le proprie forze per fronteggiare contemporaneamente le pressioni provenienti da Pechino e Islamabad. Tuttavia, con la sua nuova flotta, l'Ammiragliato pakistano avrà mezzi difensivi efficaci, probabilmente sufficienti per impedire alla Marina indiana di accedere alle acque che si affacciano sui suoi 1046 km di costa, e forse anche l'accesso al Mar Arabico.


Nuovo anno, nuova offerta!
Ora sottoscrivendo un abbonamento annuale a Meta-Defense, ne beneficerai Abbonamento di 15 mesi al prezzo di 10.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE