US Air Force si prepara a sostituire MQ-9 Reaper con la famiglia di droni di prossima generazione

Con il suo predecessore MQ-1 Predator, il MQ-9 Reaper è il drone americano più iconico degli ultimi vent'anni. Utilizzato da USAF e CIA, esportato nel Regno Unito, in Italia o in Francia, questo drone da ricognizione e attacco evoca da solo la natura asimmetrica dei conflitti afghano, iracheno e africano combattuti dagli Stati Uniti e i loro alleati. Tuttavia, dalla metà del 2010, le forze armate americane hanno dovuto affrontare ancora una volta minacce ad alta intensità, che si trovassero di fronte alla Russia o alla Cina.

In tale contesto, il MQ-9 Reaper sembra essere uno strumento inadatto e obsoleto, costringendo la USAF ad anticipare la sua sostituzione con un nuovo sistema senza pilota di alcuni anni e limitare il numero di piattaforme ordinate a 337, anziché le 363 finora pianificate. L'arresto degli ordini per Reaper nel 2022 potrebbe essere un duro colpo per il suo produttore General Atomics ma anche per gli alleati degli Stati Uniti che hanno recentemente acquistato l'imbarcazione. Ciò libererebbe tuttavia fondi per studiare la sostituzione del Mietitore con una famiglia di macchine più adatte ai conflitti futuri.

Dopo aver effettuato il suo primo volo nel 2009, il drone Avenger (Predator-C) della General Atomics è stato progettato per prendere il posto del Mietitore negli ambienti più controversi. General Dynamics potrebbe benissimo offrire un derivato del suo Vendicatore per il futuro mercato di sostituzione del Mietitore MQ-9

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di notizie, analisi e sintesi. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

A partire da 5,90€ al mese (3,0€ al mese per gli studenti) – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE