L'India vuole anche munizioni vaganti per la sua fanteria

Mentre l'Esercito popolare di liberazione ha appena pubblicato un bando di gara per l'acquisizione di due tipi di droni suicidi, o "Ammunition Vagabondes", che descrive meglio le specificità di queste armi, l'India si è affrettata a fare lo stesso. Il 6 marzo le autorità militari indiane hanno così lanciato una richiesta di informazioni per acquisire un centinaio di sistemi consentendo a un soldato di fanteria di utilizzare munizioni vaganti, sia per missioni di interdizione, attacco o ricognizione.

Le caratteristiche richieste a queste munizioni vaganti sono chiaramente stabilite, con un raggio di azione di 15 chilometri in linea di vista, un'autonomia maggiore di 30 minuti e una capacità di evolversi a più di 4500 m di altitudine, una necessità per operare sugli altipiani tibetani di fronte alla Cina. Inoltre, il sistema deve essere portatile e dispiegabile da un soldato di fanteria, con una massa di 20 kg o inferiore, e fornire capacità di visione sia diurna che notturna. La testata non è imposta, ma deve essere sufficiente per affrontare forze di fanteria o obiettivi debolmente corazzati.

UVision Hero-30 soddisfa i requisiti indiani. È implementato da un contenitore tattico portatile e controllato dalla radio

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". I “Brèves” sono accessibili gratuitamente da 48 a 72 ore. Gli abbonati hanno accesso agli articoli in Breve, Analisi e Sintesi integralmente. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- sottoscrivi-voi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE