Come può la Commissione europea agire oggi a favore della difesa degli europei?

Attraverso la voce del suo Commissario per gli affari industriali, digitali, interni e della difesa, Thierry Breton, la nuova Commissione europea di Ursula Van der Leyen ha definito ambizioni significative in termini di rafforzamento della difesa europea e capacità industriali continentali in quest'area. Tuttavia, il fallimento del vertice dei capi di Stato dell'Unione del 21 febbraio per concordare un nuovo bilancio per il periodo 2021-2027 mostra i limiti di queste ambizioni, se queste dovessero basarsi esclusivamente su canali di cooperazione e finanziamento, come il Fondo europeo per la difesa, e il cooperazione strutturata permanente o PESCO.

Tuttavia, l'Unione europea potrebbe attuare direttive che aumenterebbero in modo molto significativo le capacità di finanziamento dei suoi stati membri per sostenere lo sforzo di difesa globale, e quindi ridurre almeno la dipendenza dalla protezione degli Stati Uniti.in termini di forze convenzionali, poiché l'ipotesi di a l'ombrello nucleare francese esteso sembra non fare appello a nessuno in Europa. Per fare ciò, sarebbe necessario allontanarsi dalla classica concezione di bilancio applicata da decenni e mostrare meno conservatorismo e maggiore flessibilità, senza rinunciare agli obiettivi di controllo dei deficit europei. Questo nuovo approccio, ereditato dalla dottrina della difesa della valutazione positiva, si basa su due misure complementari:

Uscire dagli investimenti per la difesa tecnologica e industriale dal saldo del bilancio statale

La prima misura, richiesta da tempo dalla Francia e in particolare da Michel Rocard quando era Primo Ministro di François Mitterand, consisterebbe nel prelevare dal saldo di bilancio utilizzato per calcolare il deficit la spesa per la ricerca e lo sviluppo e la spesa per le attrezzature. budget annuale, e quindi il rispetto della regola del 3% di disavanzi pubblici massimi imposta dal patto di stabilità monetaria della moneta unica.

Il rispetto degli obiettivi di deficit pubblico ha portato alla riduzione del programma FREMM della Marina francese da 17 a 6 + 2 navi, per un prezzo in definitiva pari al prezzo iniziale di 17 fregate

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso agli articoli di notizie, analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti. L'abbonamento deve essere sottoscritto il il sito web di Meta-Defense

Solo fino a domenica, approfittane 20% di sconto sul tuo abbonamento annuale (pro/personale/studente) con il codice ESTATE 2021


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE