Il sottomarino di attacco nucleare Suffren, il futuro braccio della Marina francese, inizia le sue prove in mare

Ne abbiamo parlato negli ultimi giorni: il rinnovo dei sottomarini di attacco francesi è ben avviato. Da un lato, i Suffren, primi in una nuova classe di sottomarini di attacco nucleare, ora galleggia liberamente e sta attualmente iniziando le sue prove in mare. D'altra parte, la Marina francese ha ricevuto i suoi primi siluri pesanti di nuova generazione, che costituirà l'armamento principale di questi nuovi edifici.

Insieme, la classe Suffren e il siluro F21 consentiranno la sostituzione della classe sottomarina nucleare Ruby e dei siluri F17, che sono ormai obsoleti sotto molti aspetti. L'opportunità per noi di tornare al programma Barracuda che ha portato alla creazione di questa nuova classe di Suffren.

The Suffren durante la sua cerimonia ufficiale di lancio il 12 luglio 2019. Da allora, l'edificio ha subito un rifornimento di carburante nucleare, un lancio, la divergenza del nocciolo del reattore e le sue prime prove di galleggiamento.

Panoramica storica del programma Barracuda

Dalla messa in servizio dei primi lanciatori di missili nucleari (SNLE) negli anni '1970, la Francia ha attuato una politica industriale volta a mantenere il know-how necessario per la progettazione e la costruzione di sottomarini nucleari, essenziale per dissuadere. Per mantenere le abilità nel tempo, si decide di ordinare una classe di sottomarini di attacco nucleare (SNA) tra ogni classe di SSBN.

Così, dopo sei classi SNLE Le Redoutable, la Francia lanciò sei classi SNA Ruby, che entrarono in servizio tra il 1983 e il 1993. Quattro classi SNLE Le Triomphant furono quindi lanciate tra il 1994 e il 2008 e il programma di sei SNA Barracuda doveva sostituire i sei rubini nei primi anni del 2010.

Nel 2007, poco prima che i Suffren fossero sospesi, le linee generali dell'edificio erano già congelate. Tuttavia, notiamo che da allora la lunghezza e lo spostamento del sottomarino sono stati rivisti verso l'alto.

Tuttavia, tra i tagli di bilancio degli anni 2000, le esitazioni concettuali e i tentativi di riavvicinamento europeo, il programma è risultato notevolmente indietro. Nel 1998, il Barracuda (chiamato anche SMAF, per il futuro sottomarino di attacco) doveva essere un SNA di 4000 t in immersione, e il suo ingresso in servizio era previsto per il 2007 o al più tardi al 2010. Nel 2004, l'edificio era cresciuto a 4600 tonnellate e una data di consegna nel 2012. Il calendario e le specifiche tecniche si sono gradualmente spostati per stabilizzarsi attorno a una consegna entro il 2020 e un design di 99,5 m di lunghezza per 5400 t di viaggio di immersione.

Va notato, tuttavia, non senza ironia, che un riavvicinamento fu menzionato con il Regno Unito alla fine degli anni '1990, attorno a un sottomarino molto più pesante ottimizzato per la guerra antisommergibile. Tuttavia, gli inglesi non avevano intenzione di metterlo in servizio fino al 2015, dove la sostituzione dei Rubini doveva essere completata al più tardi nel 2013. Alla fine, il primo British Astute, un SNA di oltre 7800 t, è entrato in servizio ... 2010, mentre Suffren non sarà operativo prima della fine del 2020 nella migliore delle ipotesi. Saremo consolati, tuttavia, ricordando che il costo unitario del Barracuda è molto più basso (dal 35 al 50%) di quello dell'Astute, che il design del Suffren è meglio adattato alle esigenze della Marina francese (in particolare per gli sviluppi in acque poco profonde ) e che il programma Barracuda è stato molto più redditizio per l'industria nazionale francese rispetto a una collaborazione a bordo di un programma essenzialmente britannico.

Sottomarino di attacco nucleare di classe astuta. Con uno spostamento di quasi 8000 t, una quarantina di armi nella stiva e una velocità di oltre 30 nodi, i sottomarini britannici sono più ottimizzati per la caccia ai sottomarini nel Nord Atlantico che per le missioni di protezione e l'intelligence svolta dalla ANS francese.

Le Suffren in poche cifre

Il Suffren è il primo rappresentante di sei edifici di tipo Barracuda (Suffren, Duguay-Trouin, Tourville, De Grasse, Rubis e Casabianca) che saranno consegnati entro la fine del decennio. Lungo 99,44 m, sposta 4700 t in superficie e 5300 t in immersione. La sua velocità massima supera i 25 nodi e la sua profondità di immersione è ufficialmente "maggiore di 350 m", indicando che probabilmente supera i 400 m (in tempo di pace) a volte indicato all'avvio del programma. L'autonomia nella vita, 45 giorni su Rubini, dovrebbe essere in grado di superare i 70 giorni nella classe Suffren.

Il diametro di 8,8 m dello scafo è imposto dalle dimensioni del reattore nucleare, derivato dal K15 di SNLE Le Triomphant. A differenza di ciò che può essere fatto nella Marina degli Stati Uniti, ad esempio, il carburante per i reattori K15 è lo stesso di quello presente nelle centrali elettriche civili, il che riduce i costi e migliora la sicurezza e la sicurezza del lavoro. 'fornitura, ma richiede ricarica ogni 10 anni.

Suffren in assembly. Suffren è anche 20 km di tubi, 160 km di cavi e soprattutto 21 milioni di linee di codice! Con l'eccezione di alcuni veicoli spaziali, un moderno sottomarino nucleare è probabilmente l'oggetto più complesso al mondo.

Molto automatizzato, il Barracuda dovrebbe essere usato da 65 uomini e donne, un po 'meno che a bordo dei rubini, ma più del doppio. Dalla fase di progettazione, è stato pianificato di essere in grado di trasportare una quindicina di specialisti, in particolare commando che potevano operare da una camera di equilibrio dedicata ma anche da una delle due Riparo per bacino di carenaggio rimovibile progettato da Naval Group per Suffren francese. Può essere posizionato sul retro del sottomarino, questo equipaggiamento di 15 m di lunghezza e 43 t consente di imbarcare l'equipaggiamento dei commando.

L'implementazione di specialisti delle forze speciali è stata presa in considerazione nella progettazione del sottomarino, non solo dalle riserve di volume interno dedicate ai commandos, ma anche dalla progettazione generale dell'edificio, in particolare le sue barre di immersione a poppa in X, molto più pratico per navigare in acque poco profonde o contro il fondo.

Il sistema di combattimento del sottomarino è il SYCOBS del gruppo navale recentemente integrato in SNLE, che facilita il trasferimento di risorse umane tra SNA e SNLE. il SYCOBS centralizzare le informazioni dal sonar di prua Thales UMS-3000 accoppiato con due antenne a parete laterale e, nei prossimi anni, un treno sonar trainato. Il Suffren implementa anche diversi alberi optronici ed elettronici non penetranti prodotti da Safran, sostituendo i tradizionali periscopi. Abbastanza per offrirgli una capacità di sorveglianza ottica, a infrarossi, radar ed elettronica a 360 ° giorno e notte.

Quali armi per la classe Suffren?

A differenza degli SNLE, gli SNA non trasportano missili nucleari ma siluri e missili convenzionali. In Francia, il loro ruolo principale è la lotta contro le navi seguita dalla lotta contro i sottomarini, al fine di proteggere le principali unità della Marina francese: SNLE, portaerei, gruppi anfibi. Come tutti i sottomarini, gli SNA sono anche eccellenti piattaforme invisibili per intercettazioni o missioni di rilascio di commando, come abbiamo già visto. Negli ultimi anni, le capacità di attacco dei sottomarini di attacco a terra sono aumentate considerevolmente in tutto il mondo e la Francia non fa eccezione. Questo si avverte sulla configurazione dell'armamento della nave.

Il siluro pesante F21 è il più moderno e senza dubbio il più efficiente della sua categoria. Le prime unità sono state recentemente consegnate alla Marina francese e al Brasile. È disponibile anche in India (circa 36 copie) e in Grecia (circa XNUMX unità)
  • Il pesante siluro F21, che abbiamo descritto in dettaglio di recente, sarà l'arma base del tipo Barracuda e uno dei siluri più moderni ed efficienti sul mercato. Con una portata a filo guidato di 50 km (e a priori superiore in autoguida), una velocità massima di 50 nodi e una profondità operativa superiore a 1000 m, sarà in grado di distruggere qualsiasi sottomarino e la maggior parte delle grandi unità di superficie in un colpo.
  • Il missile anti-nave Exocet SM-39 è un'arma complementare alla F21. Se non offre la persistenza o il potere distruttivo di un siluro pesante e non colpisce a distanza maggiore, l'Esocetta può ancora raggiungere il suo obiettivo considerevolmente più velocemente. Inoltre, Exocet e F21 possono agire in modo complementare a seconda delle capacità difensive del loro bersaglio, a seconda che abbia soprattutto armamenti antiaerei o antisommergibile.
  • Il MdCN (Missile da crociera navale), precedentemente chiamato Scalp Naval, è un missile d'azione verso la terra con una portata superiore a 1000 km, in grado di colpire obiettivi temprati di alto valore con estrema precisione. Già operativo sulle fregate FREMM, il MdCN offrirà una capacità operativa di dieci volte superiore agli SNA francesi. Come l'Exocet, gli MdCN vengono lanciati come siluri da contenitori impermeabili.
  • La classe Suffren dovrebbe essere in grado imbarcarsi in miniere di nuova generazione, destinato a sostituire i vecchi FG29 ora montati su Rubini. Particolarmente sensibile, questa arma di interdizione navale è senza dubbio uno dei segreti meglio custoditi della Marina francese. A priori, le nuove miniere dovrebbero essere più intelligenti, più versatili e avere una maggiore autonomia rispetto all'FG29.
  • Infine, in futuro, i sottomarini del programma Barracuda saranno in grado di implementare nuove attrezzature. Potrebbero essere diversi tipi di droni sottomarini, potenzialmente basato sul D19 del Gruppo navale, adatto per le operazioni ricognizione, sminamento o intelligenza elettronica. droni aereo o anche missili antiaerei (tipo MICA o MICA-NG) potrebbe anche essere integrato in contenitori a tenuta stagna.
Il gruppo navale non è avaro di proposte per l'equipaggiamento dei suoi sottomarini. Nel 2013, il gruppo ha collaborato con MBDA per offrire una soluzione di lancio per missili antiaerei MICA e Mistral. L'opzione rimane offerta, anche se non è stata ancora finanziata.

Per implementare questa gamma, Suffren ha quattro tubi da 533 mm. Scelta tipica dei sottomarini francesi, l'implementazione delle armi viene effettuata per mezzo di un repressore pneumatico. Quest'ultimo è molto più discreto del lavaggio diretto con aria compressa, ma leggermente più rumoroso di un avviatore del motore acceso dal tubo. Tuttavia, per motivi di sicurezza nucleare, la Marina francese non avvia mai l'accensione della propulsione a siluro nel tubo. L'altro vantaggio del repressore è di facilitare il fuoco di siluri e missili a grandi profondità e velocità relativamente elevate (specialmente per i siluri).

Sfortunatamente, se l'opzione sembra essere stata studiata all'inizio del programma SMAF / Barracuda, quindi regolarmente menzionata senza materializzazione reale, la classe Suffren non includerà i tubi di lancio verticali (VLS) per i suoi missili da crociera o i suoi missili anti-nave. Tecnicamente, tale opzione sarebbe stata senza dubbio possibile, anche Naval Group la offre il suo design SMX Ocean deriva da Barracuda. Tuttavia, al di là dei costi inerenti a tale sistema, la questione della sicurezza ha indubbiamente raffreddato l'ardore della Marina francese su questo argomento, poiché la posizione più probabile per un modulo VLS sarebbe stata in prima linea del compartimento del reattore.

Alla fine, il Barracuda trasporterà solo 24 armi: 20 nella stiva e 4 in tubi, in proporzioni siluro / missile / miniera attualmente sconosciute. Se la dimensione della stiva viene raddoppiata rispetto a quella dei rubini, rimane relativamente piccola rispetto ad altri sottomarini di stazza inferiore. Tuttavia, sembrerebbe che il volume del vano siluro sia sufficiente per caricare munizioni aggiuntive, a condizione che il sistema venga modificato per consentire una maggiore densità di stoccaggio. Ciò che offre qualche margine di manovra per il futuro sviluppo degli edifici.

Barracuda per l'esportazione

Il Suffren è la prima nave di una nuova classe di SNA che prenderà il nome dalla Marina francese. Tuttavia, il nome del programma da cui proviene è BARRACUDA che, stranamente, non sembra essere un acronimo diverso da FREMM, IDE o SCORPIONE. Barracuda è anche il nome commerciale utilizzato dal progettista e produttore della nave, il gruppo navale, sia sul mercato francese che su quello internazionale.

L'elica della carenatura (pump-jet) è uno dei punti di forza del design Barracuda. Farà parte della classe Australian Attack, ma potrebbe anche essere offerta da Naval Group per i futuri sottomarini olandesi e indiani.

Infatti, se la Francia si è impegnata a non esportare tecnologie nucleari militari, la gigantesca competenza del Gruppo navale nel campo dei sottomarini convenzionali e nucleari ha permesso ai suoi ingegneri di sviluppare una variante di propulsione convenzionale del Barracuda. E persino, tecnicamente, un'intera famiglia di sottomarini convenzionali basati sul Barracuda francese, e alcune versioni dei quali sono state esposte in forme concettuali come SMX 3.0 o SMX Ocean.

Progettando le sue navi e sottomarini in modo modulare, Naval Group offre un alto grado di personalizzazione ai propri clienti. Ciò riguarda anche la propulsione dei sottomarini, che può variare a seconda dell'uso e delle esigenze operative. Per l'alta velocità su lunghe distanze, Naval Group offrirà un grande volume di batterie convenzionali o di nuova generazione (Li-ion), ad esempio ricaricabili da motori diesel. Per le pattuglie di immersioni lunghe, ma a velocità ridotta, Naval Group offrirà il suo modulo AIP di seconda generazione.

Così, le dodici Shortfin Barracuda vendute in Australia dovrebbe essere dotato solo di batterie convenzionali e non di AIP (anche se almeno una parte degli edifici potrebbe essere dotata di batterie agli ioni di litio alla fine), l'Australia desidera favorire la velocità nel tempo di immersione. Il modello proposto nei Paesi Bassi, inizialmente ispirato a SMX Ocean, potrebbe includere un mix di batterie e AIP, consentendo ai sottomarini di raggiungere rapidamente la propria area operativa nei Caraibi, ad esempio, dove possono quindi navigare verso bassa velocità sotto AIP.

Il Riachuelo, il primo Scorpene lanciato in Brasile. Per il momento, nessuno Scorpene è stato dotato di propulsione AIP, anche se l'opzione esiste ed è integrata sul pakistano Agosta-90B. Oggi, Naval Group offre una soluzione di seconda generazione basata sul reforming del gasolio e garantendo 18 giorni di autonomia subacquea.

Il possibile futuro successo delle esportazioni del Gruppo navale dovrebbe tuttavia contribuire a chiarire la gamma offerta dal produttore. Per il momento, ruota attorno allo Scorpene di circa 2000 tonnellate e al Barracuda / Barracuda di circa 5000 tonnellate. Modelli offerti nei Paesi Bassi e in India sembra assumere il diametro dello scafo, la disposizione dei sensori e il propellente Barracuda, ma il loro spostamento nelle immersioni dovrebbe essere di circa 3500 t. Costituiranno quindi una gamma intermedia nel catalogo del gruppo navale? O saranno la base dell'elevata offerta industriale, la Australian Shortfin Barracuda rimarrà quindi un'eccezione legata alla geografia unica di questo paese?

Conclusione

Ad ogni modo, il dinamismo di Naval Group nell'esportazione di sottomarini è senza dubbio esemplare in Europa. Oggi, il produttore francese è ancora al collo con il tedesco TKMS, che si basa sul successo del suo Tipo 209 per offrire il nuovo Tipo 214 per l'esportazione. Ma Naval Group, con l'alto livello di requisiti dei programmi sottomarini nucleari francesi, è ora in grado di offrire una gamma completa di sottomarini ad alte prestazioni comprovati in mare.

Meglio ancora, il gruppo francese offre questi sottomarini con un rapporto prezzo / qualità particolarmente impressionante, soprattutto perché la società non esita a effettuare trasferimenti completi di tecnologia e know-how, come abbiamo potuto vedere in India e in Australia. Ciò che promette ancora grande successo nelle esportazioni nei prossimi decenni.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE