La Russia rafforza il suo sistema navale nel Mediterraneo orientale di fronte alla Siria

Almeno un raid aereo, attribuito ufficialmente al regime di Damasco 33 morti tra i soldati turchi, con conseguente risposta rapida da Ankara, così come riunione di emergenza degli ambasciatori di 29 paesi membri della NATO su richiesta della Turchia. Se Mosca sembra essere impegnata in diverse iniziative volte alla de-escalation, non vi sono indicazioni che il Cremlino sia pronto a trattenere il suo alleato per quanto riguarda la riconquista della città di Idlib, nonché una possibile riduzione del supporto aereo da parte delle forze siriane.

Non è quindi una sorpresa che lo apprendiamo oggi, tramite un comunicato stampa dell'Agence Tass, che le due fregate della classe Grigorovich, l'ammiraglio Makarov e l'ammiraglio Grigorovich, furono dispiegate nel Mediterraneo orientale, al largo della Siria. Si uniscono quindi alla fregata ammiraglio Essen, della stessa classe, presente sul posto, così come probabilmente uno o due sottomarini Kilo o Antey.

Il missile Kalibr è un missile da crociera con una gittata di 2500 km

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE