Per prepararsi all'arrivo del bombardiere B-21, la US Air Force ridurrà le capacità operative del suo Lancer B-1B

Ne abbiamo parlato la scorsa settimana: l'USAF prevede di ridurre le dimensioni di alcune flotte di vecchi velivoli per consentire finanziamenti per i nuovi velivoli. Tra le altre attrezzature, potrebbero essere colpiti 17 pesanti bombardieri Lancer B-1B su sessanta ancora in servizio. Il destino di questi 17 aerei non è ancora stato segnato, in particolare perché il Congresso americano tende regolarmente a salvare i vettori strategici che le forze armate prevedono di ritirarsi presto.

Anche prima del voto sul bilancio militare del 2021, tuttavia, il Comando di attacco globale dell'Aeronautica americana incaricato di gestire bombardieri pesanti prese una serie di direttive mirava a limitare drasticamente il raggio di volo dei bombardieri B-1B al fine di preservare il loro potenziale il più a lungo possibile.

Gli ampi compartimenti per gli armamenti del B-1B lo rendono un'eccellente piattaforma di tiro. Oltre alle sue bombe, può lanciare missili da crociera e armi anti-nave. Fino al suo ritiro operativo tra il 2035 e il 2040, potrebbe essere adattato al trasporto di armi ipersoniche.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con pieno accesso gratuito sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso agli articoli di notizie, analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti. L'abbonamento deve essere sottoscritto il il sito web di Meta-Defense


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE