In termini di deterrenza, la Germania preferisce la protezione degli Stati Uniti a una partnership con la Francia

Il 7 febbraio 2020, durante un discorso tenuto agli stagisti dell'Ecole de Guerre, il presidente francese, Emmanuel Macron, ha voluto aprire un'opportunità di negoziazione a livello europeo proponendo di avviare il confronto con il Partner europei che lo desiderano estendere la dottrina della deterrenza francese a questi partner. Sembrava ovvio che questa apertura fosse rivolta principalmente a Berlino, partner privilegiato della Francia nei progetti di difesa dall'arrivo di Emmanuel Macron all'Eliseo. Ma ovviamente le autorità tedesche hanno ambizioni molto diverse ...

Infatti, attraverso la voce del presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier, Berlino ha risposto al presidente francese in un modo molto diverso da quello sperato. In occasione dell'annuale Conferenza sulla sicurezza di Monaco, quest'ultima ha infatti ricordato che qualsiasi iniziativa europea non deve in alcun modo mutare il legame dissuasivo transatlantico, anche se era opportuno approfittare dell'offerta francese per approfondire le discussioni sul rafforzamento dell'Europa. In altre parole, non c'è dubbio che le autorità tedesche facciano a meno della protezione americana, anche se è accompagnata dall'eccesso di autorità che Washington è ormai consuetudine dall'arrivo di Donald Trump alla Casa Bianca. Secondo lui, nessun Paese, nemmeno l'Unione Europea, potrà garantire a lungo la sicurezza della Germania. Il ministro degli eserciti tedeschi, Annegret Kramp-Karrenbauer, ha fatto lo stesso discorso, in modo molto esplicito, affermando che la Francia non intendeva passare la deterrenza sotto il comando europeo.

Annegret Kramp-Karrenbauer, ministro della Difesa tedesco ed ex dauphine del cancelliere A. Merkel, ha chiaramente limitato gli assi negoziali della Germania, che vuole il passaggio della deterrenza francese sotto il controllo europeo.

Allo stesso tempo, Berlino ha fatto nuovamente annunci sfavorevoli a Parigi, indicando che è pronta a partecipare a un'iniziativa navale europea nel Golfo Persico, se la misura diventasse europea. Tuttavia, per il momento, si tratta di un'iniziativa francese, che riunisce diversi altri paesi, tra cui Danimarca e Paesi Bassi, con l'obiettivo di garantire il traffico commerciale in questa zona altamente stressata. Le autorità tedesche hanno anche indicato di essere a favore dell'invio di mezzi di sorveglianza e non di navi da guerra, per non apparire belligeranti. Queste dichiarazioni arrivano il giorno dopo l'accordo condizionato dato dal Bundestag per il proseguimento della prima fase del programma SCAF, e che era accompagnato da forti misure di protezione che potevano essere percepite come una riserva che scivolava verso una vera sfiducia nei confronti di Parigi.

In una settimana sono dunque tre gli annunci sfavorevoli del partner tedesco della Francia, con implicazioni che dovrebbero richiedere maggiore cautela da parte di Parigi. In effetti, sembra, a causa della logica alla base di queste dichiarazioni, che Berlino miri soprattutto a conquistare il dominio globale sull'Europa in materia di difesa. E per questo, le autorità tedesche dovranno indebolire l'immagine della Francia sulla scena europea, così come la sua potenza tecnologica e militare. Perché se i tedeschi sono pronti ad accettare una tutela americana, ovviamente non è lo stesso con una tutela francese, era limitata alle questioni di deterrenza.

Le dichiarazioni a favore della deterrenza americana rilasciate dal ministro della Difesa tedesco rilanceranno senza dubbio l'offerta americana di F-18 E / F Super Hornets in sostituzione del Tornado tedesco, soprattutto quelli incaricati di missioni nucleari per la NATO.

La domanda ora è come Parigi risponderà a questi annunci. Per il presidente Macron, il partenariato franco-tedesco è stato al centro del progetto di difesa durante la campagna presidenziale. Ma è chiaro che la visione presidenziale ora diverge dalle ambizioni tedesche, che sono molto più egemoniche. Sapendo che Berlino è consapevole che l'opinione pubblica francese non accetterà mai un trasferimento di deterrenza sotto il comando europeo, ci si può interrogare sulle motivazioni tedesche che ne fanno un asse di negoziazione.

Forse si tratta, si potrebbe pensare, di creare una narrativa internazionale sufficiente per giustificare una rottura con il trattato di non proliferazione, o una porta aperta a Washington per estendere ulteriormente la cooperazione sulla deterrenza. Non dimentichiamo, a questo proposito, che molti nella classe politica tedesca ritengono che anche Parigi dovrebbe rinunciare al suo seggio di membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, nonostante l'incostituzionalità di questo requisito.

Le numerose differenze franco-tedesche in termini di visione della difesa europea dovrebbero invitare le autorità francesi a essere più caute riguardo ai vicoli ciechi tecnologici concessi alla Germania nell'ambito dei programmi SCAF e MGCS.

Resta il fatto che gli attuali programmi franco-tedeschi, come lo SCAF e l'MGCS, si basano su un intreccio delle basi industriali e tecnologiche della Difesa dei due paesi. Tuttavia, se l'industria tedesca non ha ancora una capacità sufficiente per rivendicare l'autonomia, non è il caso della Francia, che ha tutte le capacità e il know-how per svolgere tutte le i suoi programmi di difesa. Pertanto, per la Germania, è possibile realizzare questi progetti, in tutto o in parte, senza perdere competenze industriali, e anche acquisendone di nuove, cosa che non è il caso della Francia, che dovrà perdere competenze per mancanza di contratti nazionali.

Ci si può quindi interrogare sulla loro opportunità, nell'attuale contesto politico, o almeno sull'opportunità di realizzarli senza sviluppare, contemporaneamente, programmi aggiuntivi volti a garantire l'efficienza militare e industriale del Paese, in autonomia. , qualunque sia la conclusione di questi programmi. Non si tratterebbe di subire, con la Germania, ciò che la Francia era riuscita a evitare da parte degli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale ...

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE