Queste tecnologie che saranno in grado di rilevare un F35 dal 2030

Dall'utilizzo degli F117 nella prima guerra del Golfo nel 1991, lo stealth è stato considerato la caratteristica essenziale di un aereo da combattimento, per poter affrontare le moderne difese antiaeree di un determinato avversario. . E l'aereo del tenente colonnello Zelko abbattuto da una batteria di missili S-175 (SA-3 nella classificazione NATO), quando aveva appena aperto il portello delle munizioni il 27 marzo 1999 sopra la Serbia. non è cambiato molto. La furtività era diventata il Santo Graal dei produttori di aeromobili e del personale dell'aviazione mondiale. Da quel momento in poi sono stati sviluppati diversi programmi basati su questa caratteristica, nel campo degli aerei da combattimento come gli americani F22 e F35, il russo Su57 o il cinese J20, oltre a bombardieri strategici, che vanno dal B2 Spirit e il B21 raider americano al futuro HH-20 cinese e Pak-DA russo.

Come sempre, mentre le tecnologie per ridurre l'area equivalente al radar di un aereo continuavano ad avanzare, altre squadre di ricercatori stavano sviluppando tecnologie per contrastarle e rilevare questi dispositivi nonostante il loro presunto mantello dell'invisibilità radar. All'inizio empiriche, queste nuove tecnologie contro l'invisibilità raggiungono ora livelli di affidabilità che rendono possibile il loro utilizzo operativo. Nel 2030 molti di essi saranno effettivamente in servizio, rendendo comunque molto meno efficiente lo stealth passivo utilizzato su dispositivi come l'F35, il Su57 o il J20, se non obsoleto.

2020: multistatismo

Il multistaticismo si basa sulla separazione fisica tra trasmettitore e ricevitore radar. In effetti, un velivolo stealth non è mai veramente furtivo, e quando si avvicina a una certa distanza da un radar, finisce per essere rilevato. Pertanto, per l'F35A, i dati pubblici stimano che un A-3 Sentry sarebbe in grado di rilevarlo a una distanza di 30 km, mentre è in grado di rilevare un Su-30 o un F-15 oltre i 200. km.

La furtività dell'F35 non sarà pienamente efficace per qualche altro anno, dopodiché le nuove tecnologie di rilevamento ne neutralizzeranno i benefici.

Tuttavia, avvicinando il ricevitore radar al bersaglio, il raggio di rilevamento nei confronti del trasmettitore viene aumentato, la forza del segnale diminuisce con il quadrato della distanza tra trasmettitore e bersaglio, nonché tra bersaglio e ricevitore. . Questa tecnologia suppone di poter sincronizzare e far funzionare insieme trasmettitori e ricevitori remoti, ma consente di fornire una prima risposta basata sull'uso delle tecnologie radar esistenti, per contrastare la furtività passiva. È anche sperimentato da molte forze armate in tutto il mondo, anche in Europa.

2025: radar a bassa frequenza


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.


Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE