Il presidente turco RT Erdogan minaccia la Russia con un intervento contro la città di Idlib

Per più di una settimana, le forze siriane fedeli a Bashar Al Assad, supportate dalle forze aeree russe, iniziarono un'offensiva in direzione della città di Idlib, con l'obiettivo di riprendere il controllo di questa città ancora nelle mani del forze paramilitari islamiche filo-turche. Ma questa offensiva non è nel gusto del presidente turco RT Erdogan, che teme un nuovo afflusso di rifugiati. Questo è il motivo per cui quest'ultimo ora minaccia la Siria e il suo alleato russo con un nuovo intervento nel nord della Siria, volto a porre fine all'offensiva di Damasco.

La cordiale intesa tra Ankara e Mosca sembra sempre più difficile da mantenere in Siria. Infatti, gli alleati dei due campi, le milizie islamiche filo-turche da un lato, e le forze regolari del regime di Damasco dall'altro, rischiano di trovarsi in contatto mentre le truppe siriane sono partite, per altro di una settimana, un'offensiva verso il nord finalizzata al recupero della città di Idlib, principale città siriana nel nord-ovest della Siria, e nodo strategico di comunicazione per il controllo di tutto il nord del Paese. Soprattutto, Ankara, attraverso la voce del suo presidente, ha avvertito Damasco e Mosca di una possibile nuova operazione militare nel nord della Siria se l'offensiva siriana non fosse cessata rapidamente. Le autorità turche temono infatti di vedere una nuova ondata di profughi dirigersi verso il proprio territorio, mentre ne ospita già più di 3,6 milioni dall'inizio dei conflitti.

L'aeronautica russa mantiene oltre XNUMX caccia alla base di Hmeimim per supportare le operazioni delle forze di Damasco

Ma al di là dell'argomento dei rifugiati, Ankara e Mosca sono di fatto impegnate in una situazione di stallo per il controllo del nord della Siria, dopo l'accordo sullo status quo firmato tra i due presidenti nel 2017 a Sochi. Le autorità turche accusano Mosca di non rispettare i termini dell'accordo, mentre da parte sua, Mosca giustifica le azioni militari per fermare gli attacchi dal nord della Siria e dopo aver preso di mira le forze siriane mentre le forze russe si schieravano sulla base aerea di Hmeimim. In entrambi i casi, c'è uno sforzo evidente per rendere la narrazione fedele agli obiettivi geopolitici reciproci, entrambi con l'obiettivo di mettere le mani sulla Siria settentrionale. I punti di attrito tra Mosca e Ankara si sono rivelati nelle ultime settimane, sia sul dossier siriano, sia sul dossier libico, dove le due capitali sostengono campi opposti. Come tale, lo scalo della fregata russa Admiral Essen, appartenente alla flotta del Mar Nero, nel porto cipriota di Limassol, ma a due passi dal porto siriano di Latakia, non è certo passato inosservato nella capitale turca.

Ankara si trova effettivamente intrappolata dalle conseguenze della sua precedente offensiva, condotta nell'autunno del 2019 contro i curdi delle YPG nel nord della Siria. Causando il ritiro delle forze curde e il disimpegno dei loro alleati europei, Ankara ha consentito alle forze paramilitari filo-turche di mantenere il controllo della regione intorno a Idlib. Tuttavia, mentre i curdi erano attenti a non provocare Mosca, queste forze, in parte controllate da Ankara, svolgono regolarmente operazioni contro le forze del regime siriano e, a quanto pare, contro le forze russe. Pertanto, non esiste più una "forza cuscinetto" che potrebbe avviare una riduzione dell'escalation nella regione e l'intervento di Damasco, e del suo alleato russo, era quindi più che prevedibile.

Il 30 gennaio 2020 la fregata russa ammiraglio Essen fece scalo nel porto cipriota di Limassol

Resta da vedere, d'ora in poi, come i due leader decideranno di agire nei giorni a venire. Sembrerebbe sorprendente che le forze siriane sospendano la loro offensiva per recuperare Idlib, poiché la città svolge un ruolo così strategico nella regione. Pertanto, dopo le dichiarazioni appena rilasciate dal presidente Erdogan, è probabile che, da parte sua, Ankara avvii anche un'operazione militare, con la stessa destinazione. Detto questo, già due volte, i presidenti russi e roba del genere sono stati in grado di negoziare clausole di riduzione dell'escalation a seguito di gravi tensioni, soprattutto quando nel 2015 gli F16 turchi avevano abbattuto un Su-24 russo. Comunque sia, diventa sempre più evidente che l'apparente accordo russo-turco è soprattutto un accordo di circostanza, che probabilmente non è destinato a durare.


Scarica l'articolo in formato pdf

Funzionalità riservata agli abbonati professionisti

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE