Il progetto dell'aereo suborbitale XSP della DARPA è stato demolito dopo il ritiro della Boeing

Il 22 gennaio, Boeing ha annunciato la sua decisione smettere di partecipare al programma Experimental Spaceplane (XSP o XS-1) guidato da DARPA, l'agenzia statunitense di ricerca e sviluppo per la difesa. Un ritiro che segna puramente e semplicemente la fine di questo programma, dal momento che Boeing era l'appaltatore principale. Se l'annuncio sembra quasi aneddotico in mezzo alle battute d'arresto che il costruttore di aerei americano sta attualmente vivendo, si tratta comunque di un nuovo colpo per il settore spaziale americano che sta decisamente lottando per dare vita a navette spaziali automatizzate, in particolare nel settore militare.

Va detto che il programma XS-1, successivamente ridisegnato XSP, non è stato il primo tentativo del Pentagono e del DARPA. Ricordiamo in particolare il Rockwell X-30 condotto negli anni '1980 e abbandonato nel 1993 prima del primo volo del prototipo. Ancora più emblematico, l'X-33 VentureStar e l'X-34 di Orbital Sciences hanno mobilitato numerosi sforzi da parte dei produttori, DARPA e Nasa fino a quando i finanziamenti non si sono interrotti nel 2001. Nel processo, DARPA ha quindi tentato di lanciare RASCAL, un dispositivo ipersonico destinato a lanciare un mini-razzo che trasportava satelliti.

Il Phantom Express della Boeing avrebbe dovuto portare un lanciatore leggero sulla schiena, consentendo l'implementazione rapida ea basso costo di un satellite leggero in orbita bassa.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.



Scarica l'articolo in formato pdf

Funzionalità riservata agli abbonati professionisti

Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE