Perché il bilancio del Fondo europeo per la difesa è minacciato?

Il 20 febbraio i capi di Stato dell'Unione europea dovranno decidere il bilancio assegnato al Fondo europeo per la difesa, e su proposta della Presidenza finlandese di ridurre della metà la dotazione dedicata a questo sforzo di difesa, al fine di riequilibrare il finanziamento della Politica agricola comune a seguito dell'uscita della Gran Bretagna dell'Unione. La Francia, ma anche la Commissione europea e il Parlamento europeo, hanno dichiarato di essere contrari a questa riduzione. Eppure, è probabile che si verifichi una significativa riduzione della dotazione, sull'altare dei saldi globali di spesa e investimento tra Stati membri, con probabilmente sullo sfondo, un lobbismo americano che conosciamo molto ostile a questa iniziativa europea.

Ma al di là delle azioni in mano ad alcuni e degli adattamenti ciclici, non esiste un insieme di fattori strutturali che minaccerebbero permanentemente il finanziamento dello sforzo di difesa europeo? e in tal caso, esiste una soluzione per risolverlo?

Il programma corvette europeo è un esempio dei programmi minacciati da una riduzione dei fondi europei dedicati al Fondo europeo per la difesa

Un grave squilibrio strutturale


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli con accesso gratuito completo sono disponibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli abbonati hanno pieno accesso a notizie, analisi e articoli di riepilogo. Gli articoli in Archivio (oltre 2 anni) sono riservati agli abbonati professionisti.

accesso ----- abbonarsi

Abbonamento mensile € 5,90/mese - Abbonamento personale € 49,50/anno - Abbonamento studenti € 25/anno - Abbonamento professionale € 180/anno - Nessun impegno di durata.



Scarica l'articolo in formato pdf

Funzionalità riservata agli abbonati professionisti

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE