Nuovo motore Su-57 non ancora disponibile

Tra le tante novità introdotte dal programma di combattente russo di nuova generazione Su-57, il nuovo motore a turbogetto designato temporaneamente dal codice Izdeliye 30 (oggetto 30), sarà stato probabilmente il più complesso. Va detto che le ambizioni portate da questo programma sono nella scala di quelle dello stesso Su-57!

Se il primo volo del primo T50, i dimostratori del programma Su57, è avvenuto nel 2010, la prima apparizione del turboreattore Izdeliye 30 risale solo al 5 dicembre 2017 e, ancora una volta, montava solo una delle due celle del motore di 'uno dei manifestanti. In effetti, l'intero programma Su-57 è stato sviluppato sulla base di un altro motore, l'Izdeliye 117, un motore della famiglia AL41 di NPO Saturn che alimenta i Su35, e presto Su30SM modernizzato. Se questo motore offre prestazioni notevoli, come una spinta a secco di 9 tonnellate e 14,5 tonnellate in post-combustione, e un flusso vettoriale che offre un'ottima manovrabilità al velivolo, è comunque un Design "vecchio" e tipicamente russo con, ad esempio, una durata relativamente breve di 6000 ore di volo.

Una delle poche immagini del prototipo T50-2 con il nuovo motore Izdeliye 30

Il nuovo motore Izdeliye 30 mira a rompere con il design tradizionale dei turbogetti russi, offrendo una vita molto più lunga (senza sapere esattamente quanto), la possibilità di ricapitalizzare un motore senza doverlo cambiare. (una caratteristica puramente occidentale oggi), un pilotaggio completamente digitale collegato al computer di volo. Ma i fondamentali non sono stati trascurati, con una spinta a secco di oltre 10 tonnellate e più di 17 tonnellate in post-combustione. Inoltre, il suo consumo di carburante sarebbe stato ridotto del 30%, la gestione della spinta vettoriale sarebbe stata ottimizzata dal controllo digitale, e il motore avrebbe permesso un volo in supercrivolante con il Su-57, cioè un volo supersonico senza utilizzare il postbruciatore ad alto consumo di carburante. Da notare che quest'ultima caratteristica, inizialmente integrata nella "definizione" di 5a generazione di aerei da combattimento, è misteriosamente scomparsa quando è diventato evidente che l'F35 non ne sarebbe stato dotato, a differenza dell'F22, del Typhoon, del Gripen E / F o Rafale.

Ora il motore sarebbe abbastanza affidabile per iniziare una nuova campagna di test e lo avrebbe già fatto ha effettuato voli 16 per testare varie configurazioni e aree di volo, in particolare l'operazione sotto ge negativa e l'ottimizzazione del topo, secondo Anatoly Serdyukov, direttore industriale aeronautico di Rostec, il gigante russo degli armamenti. Resta da vedere quando sarà effettivamente disponibile il nuovo motore del produttore di motori NPO Saturn. Se da un lato doveva equipaggiare i velivoli pre-serie la cui consegna del primo esemplare dovrebbe avvenire entro pochi giorni, quest'ultimo sarà quindi sempre equipaggiato con turbogetti 117S, come i prototipi, non permettendo di aprire a pieno la portata del campo. furto del dispositivo.

Philippe Stroppa / Safran

Questo esempio illustra chiaramente la difficoltà e la natura tecnica della progettazione di un motore ad alte prestazioni per azionare un aereo da combattimento, anche per aziende con una vasta esperienza nel campo. Oggi ci sono solo 5 compagnie con questa capacità: le americane Général Electrique e Pratt & Whitney, la britannica Rolls-Royce, la russa Saturn e la francese Safran. La Cina investe molta energia acquisire questo specifico know-how, che gli permetterebbe di unirsi davvero al club delle grandi nazioni aeronautiche.

Leggere anche

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE